AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

L’ECCEZIONE VIRTUOSA

Posted by ambienti su giugno 4, 2007

Il titolo del post ce l’ha gentilmente fornito una giornalista ^ che già aveva avuto occasione di definire l’area casertana “un’oasi” per il problema dei rifiuti. Stiamo ancora consultando i dizionari sul sostantivo “oasi” e sull’aggettivo “virtuoso”. Per i due termini non riusciamo a trovare definizioni che li facciano sembrare adatti alla catastrofe de Lo Uttaro di Caserta. Alla Grande Puzza che opprime interi quartieri della città e di paesi vicini. Alle manifestazioni allergiche e ai disturbi vari di cui soffrono già molti cittadini che vivono a due o a quattro passi dalla discarica. Ai pericoli delle malattie gravi che – lo dice l’OMS – si moltiplicheranno nella zona. Intorno a una discarica che non potrebbe stare così vicina alle case e nella quale, per giunta, molte cose non funzionano secondo le norme che nell’impianto comunque andrebbero rispettate. Se riusciremo a risolvere la complessa questione linguistica ve lo faremo sapere.

Panettone o casatiello? 

Intanto mostriamo la collinetta che sta a marcire sotto plastica di fronte alla discarica. C’è chi affettuosamente la chiama “panettone”, c’è chi la chiama “casatiello”. E’ l’immondo ricordo e omaggio di una notte bianca napoletana. Ogni tanto un furgoncino spruzza qualcosina intorno. Sarà naftalina per salvare il nostro corredo di monnezza dalle tarme? Quest’escrescenza malefica è anch’essa al di fuori di ogni norma. Semplicemente non dovrebbe esistere e il luogo dovrebbe essere bonificato.

070601b.jpg

Di fronte, nel recinto de Lo Uttaro, dove dovrebbero trovarsi solo rifiuti “trattati”, continua ad arrivare putrescente “tritovagliato” a bordo di enormi TIR di provenienza incerta. Però, come si può vedere nell’immagine, l’ospitale Uttaro non disdegna di accogliere anche camioncini con carichi provenienti direttamente dai cassonetti o dalle strade.
 070601c.jpg

Eccolo uno dei grandi camion carichi in arrivo. Come tanti altri è un modello spider, con la capote alzata. Non è proibito? I rifiuti non dovrebbero viaggiare sigillati? Ma forse con il caldo è meglio far prendere un po’ d’aria anche alla monnezza. E spargerne un po’ in giro durante il tragitto, in modo da distribuire equamente alla popolazione puzza e infezioni.

070601D

Sembra quello di prima, ma notate le sigle. Eccone un altro che dà aria alla monnezza.

 070601e.jpg

E un altro ancora.

070601f.jpg

Notate la macchia umida sotto il cassone? No? Allora guardiamola più da vicino.

070601g.jpg 

Cosa potrà scolare da un simile carico? Non sarà tossico percolato?

Le foto sono state scattate il pomeriggio di venerdì 1 giugno. Nelle foto si vedono anche alcuni dei numerosi testimoni.

Segui la pecora →

Una Risposta to “L’ECCEZIONE VIRTUOSA”

  1. F.Caruso said

    Il tutto fa parte di una lenta ma massiccia “strategia di contrattacco”.

    Consumato ormai lo strappo “di consenso” tra il gruppo De Franciscis-Petteruti e il variegato fronte della “società civile” che in entrambi credeva (compreso Nogaro), il prossimo passo è questo:

    http://lnx.casertasette.com/modules.php?name=News&file=article&sid=11552

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: