AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

LUGLIO, LA PUZZA CHE NON VOGLIO

Posted by ambienti su giugno 23, 2007


IL SENATORE BARBIERI, PRESIDENTE DELLA “COMMISSIONE RIFIUTI”, È STATO A CASERTA. HA INCONTRATO AUTORITÀ LOCALI E NON È CHIARO QUELLO CHE SI SONO DETTI. C’È LA PROSPETTIVA DI ALTRI DISASTRI PER “L’ISOLA FELICE” DE LO UTTARO?
SAREBBE STATO BENE SE IL SENATORE BARBIERI AVESSE ASCOLTATO ANCHE I COMITATI PER L’AMBIENTE, CHI TRA LA GRANDE PUZZA E I VELENI DELLA DISCARICA È COSTRETTO A VIVERCI.

Il senatore Robero BarbieriGiovedì scorso è stato a Caserta il senatore Roberto Barbieri (nella foto), presidente della “Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse”. Ha tenuto una riunione con amministratori e autorità locali: il presidente della Provincia Sandro De Franciscis e il suo vicepresidente Adolfo Villani, il sindaco Nicodemo Petteruti, il prefetto Maria Elena Stasi e il vice prefetto Franco Provolo, gli assessori all’ambiente della Provincia, Maria Carmela Caiola, e del Comune, Luigi Del Rosso. C’era anche il deputato Pdci Giacomo De Angelis, componente della citata Commissione.
Secondo quanto riferito ieri dal quotidiano Il Mattino, edizione locale, Barbieri avrebbe espresso la sua soddisfazione per l’apertura di “una discarica provinciale che funziona regolarmente” e per il “senso di responsabilità” dimostrato dagli amministratori politici presenti. Al di là di queste notizie in chiave propagandistica – fornite palesemente da fonti interessate – non sappiamo come siano effettivamente andate le cose. Chi abbia letto anche sommariamente la Relazione territoriale stralcio sulla Campania, documento appena pubblicato dalla Commissione presieduta da Barbieri, può ragionevolmente dubitare che l’incontro sia stato tutto un idillio.
Per l’occasione nessuno dei presenti ha sentito il bisogno di ascoltare i rappresentanti delle migliaia di cittadini e delle numerose associazioni che da mesi denunciano documentatamente che lo Uttaro con i suoi annessi è una catastrofe per l’aspetto sanitario e per quello della legalità. E che l’unica soluzione sensata per tutelare salute e interessi dei cittadini sarebbe chiudere la discarica e procedere immediatamente alla bonifica e alla messa in sicurezza dell’intera area.
Speriamo che il vertice con Barbieri non preluda ad altri “sacrifici” per i casertani. L’articolo sul Mattino, intitolato “Un fantasma chiamato Lo Uttaro” e firmato Lorenzo Calò (sigla lor. ca.), è preoccupante per quello che potrebbe avvenire dopo il 9 luglio, «immaginaria linea la di là della quale il rischio di collasso è più che concreto», visto che l’8 luglio verrebbe chiusa la discarica regionale di Difesa Grande ad Ariano Irpino, contestata per motivi che dovrebbero valere ancora di più per lo Uttaro.


Scrive all’inizio Calò: «Lo spettro dell’emergenza rischia di travolgere anche l’”isola felice”. È il tema intorno al quale si è avvitata la discussione, ieri pomeriggio, durante il summit a porte chiuse tra il presidente della Bicamerale sulle ecomafie Barbieri e le istituzioni locali». E più avanti, a proposito del 9 luglio : «Una prospettiva che ha fatto calare il gelo sulla riunione di ieri, soprattutto se, per quella data – è il ragionamento – non dovessero essere pronte in regione altre discariche. In sostanza la provincia “virtuosa” di Caserta si troverebbe a essere l’unica con un sito a disposizione immediatamente disponibile anche se l’utilizzo di quell’area è disciplinato da un Protocollo d’intesa che la vincola al solo territorio casertano. Insomma, un’eventualità nefasta che comunque resterebbe all’orizzonte. E qui il discorso incide sui poteri straordinari conferiti al commissariato di governo e sulle «decisioni concertate» suggerite invece dal decreto legge così come emendato ieri dal Senato, decreto che approderà alla Camera mercoledì prossimo. Insomma, un’impostazione che, privilegiando la «compartecipazione degli enti nei processi decisionali» ha ieri determinato anche una polemica da parte dello stesso Bertolaso sulle “presunte” mani libere del commissario».
Che è successo davvero nella riunione di Caserta? Qual è esattamente la prospettiva? Chi l’ha proposta e chi l’ha eventualmente contestata? Che si parli di “eventualità nefasta” può far supporre che si tratti di destinare lo Uttaro a discarica regionale, ampliandone la capienza con l’annessione di zone adiacenti, visto che nel “fosso” attuale più di tanto non può entrarci. Il che per la popolazione che abita a due passi sarebbe una disumana e definitiva condanna a sofferenze e a malattie.
Da quel che è trapelato dal misterioso vertice si ha l’impressione che De Franciscis e Petteruti, a forza di fare i primi della classe, si siano cacciati in un vicolo cieco. Col loro proporsi a modello “virtuoso” hanno del tutto offuscato la realtà di un territorio pesantemente colpito dalla presenza della discarica. Se “tutto va bene” a lo Uttaro, potranno ragionare le controparti governative, perché non dovrebbero andare bene un raddoppio o una moltiplicazione? Discorso che avrebbe una sua logica, se non fosse tutta sbagliata e infame la premessa della sopportabilità dell’attuale situazione. Se si bada a com’è già ora realmente drammatica la vita intorno a lo Uttaro, un simile pseudoragionamento renderebbe invece più che mai evidente la corrispondenza tra una fasulla politica della monnezza e la peggiore monnezza della politica.

P.S. Il senatore Barbieri avrebbe potuto, volendo, essere ben infomato sul punto di vista dei cittadini e dei comitati per l’ambiente nell’area intorno a lo Uttaro. Esattamente un mese fa i comitati hanno contestato un suo intervento a “Cominciamo Bene”, su Raitre, indirizzandogli la lettera che si trova  QUI → . La lettera non ha finora ricevuto una risposta. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: