AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

ALTRI MISTERI IN DISCARICA

Posted by ambienti su giugno 27, 2007

OGGI A LO UTTARO VIETATO L’ACCESSO
AL RAPPRESENTANTE DEL COMITATO GARANTI.
PER NON FARLO ENTRARE LÌ USATE BUGIE.
IL DOTTOR SANTAGATA HA ATTESO TRE ORE
PRIMA DI POTER EFFETTUARE I CONTROLLI.

da Giovanna Maietta
del Comitato Emergenza rifiuti

Oggi un ennesimo abuso nei confronti della città e del Comitato emergenza rifiuti. Si è tentato di impedire l’accesso alla discarica di lo Uttaro al rappresentante del Comitato dei garanti dottor Nicola Santagata. Il Comitato dei garanti, nominato dal Commissario di governo Guido Bertolaso, ha funzioni di controllo sul sito e sullo sversamento dei rifiuti. Questa mattina il dottor Santagata si è recato alle ore 9.00 in discarica per effettuare il sopralluogo, ma è stato bloccato subito dopo il cancello d’ingresso per disposizioni del dirigente del consorzio Acsa CE3, ingegnere Limatola.
L’ingegnere Limatola, contattato dalla Digos su nostra richiesta, ha riferito alla Polizia di Stato che l’impedimento era dovuto a direttive del commissariato di governo. Secondo Limatola il commissariato aveva disposto che il garante non potesse accedere alla discarica se non prima di essere delegato dagli altri componenti del Comitato di controllo. Questa motivazione addotta dal dirigente dell’Acsa Ce3 si è rivelata, poco dopo, falsa. La mendacità è dimostrata dal fatto che alle 12 il dottor Santagata è stato condotto presso il sito, dal responsabile tecnico della discarica Vagliviello, per effettuare i dovuti controlli.
Durante le quattro ore di permanenza presso il sito, abbiamo provveduto a contattare oltre la Polizia di Stato, la Provincia, il Noe, la struttura commissariale, il consorzio Acsa CE3 e la Prefettura. Ed è proprio l’organo di governo che si è attivato per chiarire quello che poi ha dichiarato essere un fraintendimento.


È chiaro che l’ingegnere Limatola non aveva avuto alcuna disposizione dal Commissario di governo e che ha cercato di propria iniziativa di non far effettuare il sopralluogo. Limatola non poteva non sapere che il dott. Santagata è stato nominato controllore dallo stesso Bertolaso e che è stato delegato ai controlli anche dal sindaco e dal presidente della provincia. Inoltre il controllore prima di effettuare un sopralluogo non avverte mai il controllato, altrimenti il controllo non sussiste. In tal senso Limatola che è il controllato che dovrebbe garantire il buon funzionamento della discarica non può assolutamente pretendere di programmare i sopralluoghi. E insistere in tal senso potrebbe incutere il sospetto che oltre l’omissione di controllo segnalata dal garante si stia nascondendo qualcos’altro.
Visto che in discarica si sversa il tal quale, il pensiero che ci è balenato è che si stia bonificando il sito di trasferenza sversando in discarica. Sarebbe il male minore rispetto a rifiuti tossici e industriali. Forse queste idee sono frutto della nostra fantasia. Ma visti il mistero e le bugie la preoccupazione è grave. Il dottor Santagata alle 12 ha potuto effettuare i sopralluoghi e verbalizzare quanto rilevato e documentato con fotografie. Ci sono prove che il percolato non viene raccolto e che la discarica e lo sversamento sono mal gestiti.
In merito all’atteggiamento dell’ingegnere Limatola, provvederemo ad inoltrare denuncia alla Procura della Repubblica, alla quale verranno inviati anche il verbale e le foto del garante.
Contestualmente inviteremo il Sindaco e il presidente della Provincia, ai quali invieremo anche il verbale del sopralluogo, a recarsi personalmente in discarica e a non affidarsi esclusivamente alle dichiarazioni di Limatola.

Annunci

6 Risposte to “ALTRI MISTERI IN DISCARICA”

  1. Friskie81 said

    per il secondo dovrete aspettare sotto alla scaletta dell’aereo di ritorno dagli Usa

  2. nicola said

    E’planetaria l’illegalità e la pericolosità del sito. Attendiamo solo che la Magistratura faccia il proprio dovere ovviamente senza abbassare la guardia!!!

  3. The Boss said

    I tempi della Procura di Santa Maria, mi dice un amico che ci lavora, in materia ambientale si aggirano sui 18 mesi dalla denuncia.

  4. ambienti said

    Potrebbe anche intervenire il Commissariato.

  5. Luigino said

    cioè verrebbe a fare le pulci a chi gli ha consentito di aprirla?

  6. ambienti said

    Il gioco è un po’ più complicato. Il Commissariato non ha interesse a saperne di più se formalmente tutte le carte sono in regola, ma se vengono ufficialmente documentate irregolarità gravi può voler evitare il rischio di diventare complice consapevole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: