AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

POLITICI DIFETTOSI

Posted by ambienti su luglio 27, 2007

È strano che quando compriamo un macinacaffé o un rasoio elettrico abbiamo diritto a una garanzia di due anni in caso di prodotto difettoso, con riparazione, sostituzione o restituzione di quanto pagato (norme UE), e quando invece spendiamo il nostro voto per avere buoni amministratori e governanti non sia prevista alcuna forma di garanzia. Ce li dobbiamo tenere anche se rivelano evidenti difetti di fabbricazione, o di essere inadatti all’uso per cui ci sono stati forniti, o se si guastano in modo irreparabile.
Se esistesse una “garanzia per l’elettore”, il sindaco di Caserta Nicodemo Petteruti ^ – per esempio – in questi giorni verrebbe rimandato in fabbrica dalla maggior parte dei cittadini che lo ha votato. Difficile pensare che qualcuno abbia desiderato, dandogli il voto, queste micidiali notti estive ^, con la Grande Puzza ^ che ormai dall’area della discarica Lo Uttaro ^ si avventa su tutta la città. Basta farsi un giretto tra bar, negozi e barbiere per capire che tutti sono scontenti e che questo sindaco lo vorrebbero restituire. Peccato che non si sappia a chi e come. Chi lo ha fabbricato e lo ha offerto nel mercato politico come sindaco ci dovrebbe dare come minimo un Petteruti completamente revisionato, che non scateni tanta puzza. Per non parlare del resto. E invece ce lo dobbiamo tenere difettoso. Un “pacco” senza rimedio.
Quando un politico fa cilecca, o non rispetta quanto promesso in campagna elettorale, con danni che possono essere ben più gravi di quelli provocati dal guasto di un piccolo elettrodomestico, l’elettore dovrebbe avere diritto alla sua immediata riparazione senza spese, o alla sostituzione con un politico funzionante, o alla restituzione del voto. Se si trovasse il modo per attivare una simile garanzia, forse i nostri affari pubblici andrebbero un po’ meglio e alle elezioni troveremmo in lista meno “prodotti” di qualità scadente.

Una Risposta a “POLITICI DIFETTOSI”

  1. Luigino said

    Questo vostro blog è uno dei modi di attivare la garanzia. La vostra ironia ha accennato al costruttore cui rispedire il pacco. Per i prodotti made in China o Taiwan alla fine c’è sempre un riferimento italiano, fosse pure in uno scantinato di Arzano cui inoltrare il reclamo. Stavolta però gli scantinati sono proprio troppi, praticamente tutti quelli che contano. Ci vogliono troppi soldi per le raccomandate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: