AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 3 agosto 2007

A DISCARICA CHIUSA

Posted by ambienti su agosto 3, 2007

Stamattina fino alle 11 i camion carichi di spazzatura entravano a Lo Uttaro come se niente fosse. Molti giungevano lì dopo aver viaggiato, come al solito, scoperti, sparpagliando lungo strada fetenzia e pericoli d’infezioni. Il commissario governativo Pansa e tutti gli interessati conoscevano già benissimo il contenuto della sentenza che ha imposto di astenersi dal recare altri danni alla salute dei cittadini attraverso la discarica. Ma è stato necessario attendere le 11.30, con l’attivazione di tutte le procedure di legge, per arrivare alla chiusura effettiva. Contro il provvedimento, e contro la salute dei cittadini, ora Pansa ha promesso ricorso.
Stasera il TGR Campania ha annunciato l’aggravarsi dell’emergenza rifiuti in provincia di Caserta, spiegando che nei prossimi giorni, chiuso Lo Uttaro, non si potrà fare la raccolta. Perché, Lo Uttaro aperto aveva garantito la raccolta? E non si possono mandare per qualche giorno i rifiuti dove stanno andando quelli di Napoli? Non si possono affrettare le soluzioni annunciate nei giorni scorsi per ottobre, per quando la discarica sarebbe stata comunque – ci hanno detto – satura? O ricorrere alle alternative che sono state proposte in febbraio dal professor De Medici dell’Università Federico II? O i grandi personaggi che hanno passato gli ultimi nove mesi proclamando l’emergenza rifiuti, ma senza darci segno di uno straccio di piano per risolverla, non hanno ancora la minima idea di come affrontare la situazione? A parte soffocarci e avvelenarci con Lo Uttaro e annessi. Ora sarebbe il caso che si sbrigassero anche con le bonifiche.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | 2 Comments »

CONTRO LA DISINFORMAZIONE

Posted by ambienti su agosto 3, 2007


Per chi legge alcuni giornali, e per chi guarda il TGR Campania, è un po’ difficile capire perché il Tribunale di Napoli ha disposto la chiusura della discarica a Lo Uttaro. O chi aveva deciso la riapertura di un sito tanto pericoloso. Chi frequenta questo blog sa come stanno le cose. Il Comitato Emergenza Rifiuti ha preparato e sta diffondendo un volantino che dice l’essenziale anche a chi non è ben informato. Cliccando qui si arriva alla pagina che contiene il testo e al link per scaricarlo in formato PDF. Chiunque può farne copie per amici e conoscenti.


vai al volantino ^

Posted in Report | 1 Comment »

SUBITO OLTRE LO UTTARO

Posted by ambienti su agosto 3, 2007

LE DICHIARAZIONI DIFFUSE DAI RESPONSABILI
DE LO UTTARO CERCANO DI CONFONDERE LA GENTE
E DI NASCONDERE CHIARE RESPONSABILITÀ.
CI SONO ALTERNATIVE PRATICABILI IN FRETTA
ORA CHE LA DISCARICA È CHIUSA.

dal Comitato Emergenza Rifiuti

Il sindaco e il presidente della Provincia, dopo il provvedimento che ordina la chiusura della discarica, cercano di sgravarsi delle loro responsabilità per aver voluto e favorito l’apertura a Caserta di una discarica illegale e altamente inquinante. Sia Petteruti sia De Franciscis dichiarano pubblicamente che la scelta è del commissario di governo e che loro hanno seguito ordini dall’alto. I fatti non stanno così, il commissario di governo ha deciso secondo le indicazioni date loro dal presidente della Provincia con la piena e consapevole collaborazione delle prefettura. Adesso vogliono far credere alla cittadinanza che l’emergenza rifiuti non si risolve per colpa della magistratura e del Comitato che ha denunciato tutte le malefatte perpetrate a danno della salute pubblica. Le soluzioni esistono. Sono state indicate già nel febbraio scorso e poi dallo stesso Bertolaso nell’audizione alla Commissione della Camera dei Deputati il 13 marzo.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | Leave a Comment »

IL VERDE HA DETTO SI, NOI NO

Posted by ambienti su agosto 3, 2007

Il Comitato Capuano Allarme Rifiuti e il Circolo Arci di Capua “Oltre il Muro”, contestano fortemente il parere positivo rilasciato dal ministro dell’ambiente Pecoraro Scanio, il 27 luglio scorso, alla costruzione dell’inceneritore di Santa Maria La Fossa:
Non crediamo assolutamente che siano sufficienti le condizioni – come il rispetto del piano regionale per la qualità dell’aria recentemente approvato – pur imposte dal Ministero come necessarie – ed espresse nelle “quaranta prescrizioni” quali che siano – quando, in primo luogo, il Ministro non manca per altri versi di sottolineare la sua contrarietà di principio all’incenerimento, e si mostra propenso – anche se debolmente – alla discussione su tecnologie alternative e più avanzate, come i trattamenti a freddo, ammettendo quindi, in sostanza, che l’incenerimento è una tecnologia pericolosa.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | 1 Comment »

GIORNALISMO DA DISCARICARE

Posted by ambienti su agosto 3, 2007

Il TGR Campania, nell’edizione delle 14, ha dato di nuovo la notizia della decisione del Tribunale di Napoli di far chiudere lo Uttaro. Ha detto che il commissario Pansa ha annunciato un ricorso e che il presidente della Provincia di Caserta è preoccupato per gli effetti della chiusura. La notizia è stata data in fondo al TG, senza richiamare neanche con una parola il fatto che il magistrato ha deciso lo stop per tutelare la salute dei cittadini. In compenso si è straparlato dei progetti per la nuova Bagnoli turistica, ecologica, festosa. Con immancabile intervista del rinviato a giudizio Bassolino che ha promesso anche musica e cultura. L’avessimo intervistato noi gli avremmo chiesto come andava, intanto, con la tarantella della monnezza.

Posted in Report | 1 Comment »

STOP A LO UTTARO DALLA MAGISTRATURA

Posted by ambienti su agosto 3, 2007

LA DISCARICA VA CHIUSA SUBITO:
FA MALE ALLA SALUTE DEI CITTADINI.
IL COMITATO EMERGENZA RIFIUTI
CHIEDE CHE NON CI SIANO INDUGI
E INVOCA TRASFERIMENTI E DIMISSIONI
PER I RESPONSABILI DELLLA RIAPERTURA:
PREFETTO, PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, SINDACO

in fondo al testo 3 link a documenti e un aggiornamento ^

lawgreen.gifLa discarica Lo Uttaro a Caserta deve chiudere. È illegale, è stata scelta frettolosamente “a discapito della salute dei cittadini” e in contrasto con le norme italiane ed europee, pone in pericolo il diritto costituzionalmente garantito della salute, era stata già definita “sito inquinato” tale da costituire pericolo per la salute pubblica, in passato vi sono stati versati rifiuti di “difficile classificazione”, attualmente viene gestita male, con superamento dei limiti massimi di concentrazione di sostanze pericolose. Lo ha accertato con sentenza il Tribunale Civile di Napoli, decima sezione, accogliendo il ricorso ex art 700 c.p.c. proposto dall’avvocato Luigi Adinolfi per conto di un gruppo di cittadini del villaggio Saint Gobain rappresentativi del Comitato Emergenza Rifiuti. La sentenza completa si può scaricare tramite uno dei link qui sotto.
Lo Uttaro fa male. Come da mesi stavano ripetendo il Comitato Emergenza Rifiuti, le associazioni e i comitati civici in territorio casertano che ad esso hanno dato vita. Ora lo dice anche la sentenza molto chiara e ben argomentata che accoglie in pieno le tesi del Comitato e difende la salute dei cittadini. Quelli che hanno dovuto chiamare il 118 nelle infuocate notti di luglio puzzolenti anche a finestre chiuse o con l’aria condizionata, quelli che dopo sonni inevitabilmente a singhiozzo si svegliano al mattino stanchi e col mal di testa, quelli che fondatamente temono lungo il tempo danni peggiori per la salute loro e dei loro figli, quelli che stavano pensando a dove trasferirsi come profughi.

Ora c’è già chi tenta di alzare polveroni per dire che senza Lo Uttaro la cosiddetta “emergenza rifiuti” si aggrava. Cercando di cambiare le carte in tavola, giacché, comunque, i rifiuti per le strade della provincia ci sono sempre stati, anche con la discarica a pieno regime, per tutt’altri problemi (vedi crisi ACSA CE3 e crisi SACE). Non è per nascondere i rifiuti in un fosso avvelenato e velenoso, accanto a migliaia di case, compromettendo la salute pubblica, che abbiamo eletto questi amministratori, che paghiamo questi funzionari. C’è chi ora si precipita a mettere le mani avanti, come il presidente della Provincia di Caserta Sandro De Franciscis, sostenendo che non è stato lui a decidere per Lo Uttaro. Perché la sentenza, pesante e difficilmente contestabile, chiama alle sue responsabilità chi ha scelto, chi ha gestito, chi ha permesso. I nostri lettori sanno com’è andata e tutto si trova scritto nella Storia di una bugia ^ .
Di fronte alla questione seria della salute, oltre che le responsabilità giudiziarie ci sarebbero quelle politiche e quelle morali. Diciamo ci sarebbero perché qui s’è capito da un pezzo che nessuno ha voglia di assumersi le sue. Possiamo prossimamente aspettarci altre menzogne e altri scaricabarile.
Intanto il Comitato Emergenza Rifiuti ha avanzato alcune precise richieste al commissario Alessandro Pansa:

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | 3 Comments »