AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 7 ottobre 2007

T’AGGIO VOLUTO BENE

Posted by ambienti su ottobre 7, 2007

Dai teatrini della politica locale continuano ad arrivare insolenze contro i cittadini impegnati nella difesa della salute di tutti contro la Grande Puzza de Lo Uttaro. Gli amministratori, e persino  alcuni loro domestici, ritengono spesso che i motivi di squadra debbano prevalere su quelli della ragione e del buon senso e si arrabbiano soprattutto se si sentono pubblicamente contestati da qualcuno che li aveva sostenuti al momento delle elezioni. A più riprese ne ha fatto le spese il verde “eretico” Antonio Roano, tra i principali animatori della protesta No Uttaro sul fronte caldo, e purtroppo puzzolentissimo, di San Nicola La Strada. Roano ha chiarito la propria posizione con la lettera aperta che riportiamo qui perché ci sembra istruttiva sugli attuali rapporti tra politica e puzza in territorio casertano.

È innegabile che gli amministratori di Caserta e dintorni, zona Lo Uttaro, ci hanno riempiti di puzza, di rifiuti, di rischi per la salute. E continuano a dirci bugie. Quanto più si rendono conto che le schifezze da loro combinate e permesse hanno suscitato un dissenso di massa, tanto più si inventano accuse bizzarre contro il Comitato Emergenza Rifiuti, capofila nella protesta, e contro le persone che come me ne fanno parte. Perciò intendo chiarire alcuni aspetti essenziali della battaglia contro Lo Uttaro e la mia posizione personale verso i responsabili di questo scempio a danno dei cittadini.
Il sindaco Petteruti, di fronte al nauseante pasticcio de Lo Uttaro, concertato con la sua diretta partecipazione, ha per mesi continuato a ripetere che eravamo una setta di fondamentalisti, quasi terroristi. Mentre qui il solo terrore che si è visto in giro è quello della puzza che arriva da Lo Uttaro e della gente che, giustamente, teme per la propria salute.
Il sindaco Petteruti e il presidente della provincia De Franciscis in un anno non sono neanche riusciti a fare rispettare i i termini minimi del Protocollo d’intesa con cui si decise, a novembre scorso, la sciagurata riapertura della discarica. E non c’è traccia del previsto piano che dovrebbe permetterci di affrontare in modo sensato la questione dei rifiuti. 200 mila persone tra Caserta e dintorni vivono contemporaneamente minacciate dall’immondizia per strada e dalle esalazioni di una discarica che le costringe a tapparsi nelle loro case trasformate in trappole per topi.
Quanto dureranno ancora i danni de Lo Uttaro? Dove sono le bonifiche che dovrebbero essere già state realizzate e invece vengono continuamente rinviate?

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | Leave a Comment »

NOTTI BIANCHE IGNOTE

Posted by ambienti su ottobre 7, 2007

Attraverso ambientimail ^abbiamo ricevuto da lav il seguente messaggio che pubblichiamo volentieri. Ci sembra interessante come verifica del tipo di attenzione che il quotidiano la Repubblica sta dedicando al problema Lo Uttaro.

Il 30 settembre scorso ho inviato a la Repubblica Napoli una letterina, sperando che in qualche modo servisse ad accendere un po’ il loro interesse su Lo Uttaro. Ma da quest’orecchio non vogliono sentirci proprio. Non ho ricevuto alcun cenno di risposta, né pubblico né privato. Da anni leggo/leggevo la Repubblica, ma ultimamente ne ho sempre meno voglia. L’altra sera in tv qualcuno ha detto che le vendite dei giornali stanno calando. Chissà perché.

Ho notato con piacere che finalmente la Repubblica NAPOLI parla di Caserta, anzi della notte bianca di Caserta. Vorrei portare alla vostra attenzione (e potrebbe essere uno scoop per voi e per l’edizione nazionale) che quella del 29/09/07 non è la prima notte bianca. Infatti le amministrazioni comunale e provinciale ne hanno organizzate molte altre lungo tutta la calda estate trascorsa. Sono le notti in cui gran parte dei cittadini casertani e dei comuni confinanti ha vegliato nelle case bollenti assediate dalla Grande Puzza – come ormai la chiamiamo qui – proveniente dalla discarica Lo Uttaro e annessi che è ubicata all’interno della città a ridosso di quartieri popolosi e di affollati comuni limitrofi. Cittadini insonni o svegliati dal fetore inimmaginabile che ancora oggi, insieme alla nauseabonda immondizia nelle strade, ammorba l’aria fino in centro.
Se qualcuno volesse cogliere questa notizia – che in realtà è vecchia ma fuori di qui è ignorata da tutti – e domandarsi come può esistere un tale scempio visto che ne va, e molto, della salute dei cittadini garantita dalla Costituzione, non sarebbe male.
Vorrei con l’occasione ricordare che per “le strade della città liberate dai cumuli di spazzatura” i napoletani dovrebbero almeno sapere che esiste una discarica Lo Uttaro che, illegale e pericolosa com’è, ha inghiottito e inghiotte i rifiuti – anche illegali e pericolosi – della loro provincia. Ma proprio questa del sacrificio imposto ai cittadini di Caserta è la lunga storia.

lav (per il giornale ho firmato per esteso, ma per quello che è servito …)

Posted in Report | 2 Comments »

QUANTA SALUTE IN CENERE?

Posted by ambienti su ottobre 7, 2007

amarginelogo.jpga margine ^, sito web che da Santa Maria Capua Vetere – sede di un impianto per CDR – si offre come “possibile luogo di iniziativa culturale”, con occhio attento ai problemi quotidiani locali e a quelli globali, propone una brevissima rassegna stampa e un’analisi delle Problematiche dell’incenerimento (filiera Cdr-Termovalorizzatori). Invita anche ad aderire a una richiesta di chiusura della “filiera” di incenerimento dei rifiuti, peraltro in Campania non ancora completata.
Riportiamo di seguito il testo inviatoci da a margine e suggeriamo di visitare il sito che, in particolare nella sezione dedicata all’ambiente, offre notizie e riflessioni interessanti per i lettori del nostro blog.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | Leave a Comment »