AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL BUON CONTRATTO

Posted by ambienti su ottobre 17, 2007

I casertani che per mesi sono stati torturati dalla Grande Puzza ^ in arrivo da Lo Uttaro e ora sanno per certo che le loro peggiori preoccupazioni erano ben fondate non ci crederanno, ma il loro sindaco Nicodemo Petteruti si dice ancora convinto che quando l’11 novembre scorso sotto il famigerato Protocollo d’intesa ^ , che fece aprire la discarica killer a Lo Uttaro, apposero le firme il commissario governativo Guido Bertolaso, il presidente della Provincia di Caserta Sandro De Fanciscis e lo stesso Petteruti , «Fu chiuso un buon contratto». Il sindaco lo afferma in un’intervista ^ apparsa oggi sulle pagine napoletane del quotidiano la Repubblica che, finalmente, sotto lo stimolo di un documento ufficiale quale la relazione di De Rosa ^, sembra essersi scosso dalla lunga distrazione dal caso Lo Uttaro.
Come possa essere buono un contratto che ha danneggiato la vita quotidiana dei cittadini e minaccia tuttora la loro salute, che non ha ottenuto nessuno degli effetti concordati – né eliminare la spazzatura dalle strade, né ancora le bonifiche ^ per un’area tutta avvelenata, né i previsti benefici economici per le casse comunali – e che molto probabilmente è basato anche su moventi oscuri e penalmente rilevanti, Petteruti non lo spiega chiaramente. Anzi entra in evidenti contraddizioni quando approfitta della conversazione sulla discarica per arrabbattarsi in una prova di scaricabarile e di scaricaballe.
Petteruti non dice che di fronte alle immediate e ben argomentate denunce di quelli che contestavano la discarica lui fino a poco tempo fa ha fatto muro e ha usato argomenti beceri come l’accusa di avere scatenato una “jihad” e di essere volti “a radicalismi aprioristici, a presuntuose supponenze e speculazioni politiche” ^ . Non ci dedicheremo qui all’ormai facile esercizio di ribaltare ognuna di queste accuse sull’operato del sindaco. È il caso solo di ricordare che da prima della riapertura della discarica a Lo Uttaro Nicodemo Petteruti era perfettamente informato, attraverso fonti qualificate, di tutti i rischi del disastro ambientale e sanitario che si stava preparando, nonché al corrente dell’esistenza di aspetti torbidi nell’intera operazione.
Petteruti, come aveva già fatto finalmente a fine settembre, sospinto da un’estate puzzolentissima e dal crescere della protesta, dice nell’intervista che si opporrà a ogni tentativo di ampliamento della discarica. Ci mancherebbe. Accertata la situazione, insistere con la discarica significherebbe insistere deliberatamente in vari crimini. In un rigurgito di demagogia il sindaco conclude minacciando: «Sto valutando serie azioni legali per i danni che Caserta subisce». Chiederà danni a se stesso?

Qui l’intera intervista di Petteruti a la Repubblica ^
Da notare per l’altra questione sollevata dall’articolista, il relativo “progresso” di Caserta nella classifica per l’ambiente di Ecosistema Urbano 2008 ^ , che i dati di base per la detta classifica si riferiscono al 2006, perciò a prima che venisse riaperta e ampliata la discarica killer a Lo Uttaro, e che comunque sono stati forniti dai Comuni, perciò, nel nostro caso, da Petteruti …

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: