AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

FINESTRA SU LO UTTARO 14/11/2007

Posted by ambienti su novembre 14, 2007

Le bonifiche previste per i siti inquinati non sono un optional. Sono indispensabili per porre un limite ai danni all’ambiente e per provare a riportare le aree interessate in condizioni di vivibilità. Senza bonifiche i danni si estendono: aria, terra, acqua, persone continuano a riempirsi di veleni. Nonostante questo, nonostante i molteplici impegni assunti nel tempo da chi dovrebbe operare, nonostante le recenti e ripetute promesse, nei siti di trasferenza e di stoccaggio a Lo Uttaro – la cui bonifica era stata garantita in tempi brevi nel Protocollo con cui si è decisa la riapertura della discarica – i lavori vanno a rilento, se non sono del tutto fermi.
È una situazione che mette in questione la credibilità di ogni prossimo piano per i rifiuti. Se non si riesce a smuovere qualche collina, pur micidiale, di rifiuti, come si farà a smuovere chilometri e chilometri di ecoballe a Giugliano, o a Villa Literno, o in uno qualunque dei siti ora designati come depositi “provvisori”?
Che le bonifiche a Lo Uttaro procedano poco – nella migliore delle ipotesi – lo documentano le foto scattate stamattina intorno alle 8.35. Che le operazioni di rimozione si sono fermate è confermato dal verbale del sopralluogo compiuto il 9 novembre scorso dai dottori Giuseppe Lembo e Nicola Santagata del “Comitato dei garanti” per Lo Uttaro ^. Nel sito di trasferenza c’erano complessivamente, prima dell’avvio della bonifica, 40 mila tonnellate di rifiuti, ora ne appaiono tritovagliate 7 mila in attesa di essere portate, secondo l’ACSA, in Sicilia.
Sopralluogo e foto di The Boss

clicca su un’anteprima per vedere le foto grandi commentate ^

lo-uttaro-071114aa.jpg lo-uttaro-071114bb.jpg lo-uttaro-071114ab.jpg lo-uttaro-071114cc.jpg

Per vedere anche i sopralluoghi precedenti clicca la categoria Finestra su Lo Uttaro ^

lo-uttaro-071114aa.jpg

Abbiamo anche dato un’occhiata all’ingresso della discarica. I camion erano arrivati, perché, secondo la disposizione del commissario-prefetto Pansa, la discarica era aperta. Però i camion era fermi e non si sversava. Probabilmente per lo stato di agitazione dei lavoratori dell’ACSA CE3 che erano riuniti lì vicino in procinto di recarsi a una manifestazione a Caserta. L’ACSA CE3, che gestisce la discarica, è in dissesto finanziario e i dipendenti non ricevono regolarmente lo stipendio.

lo-uttaro-071114bb.jpg

Il sito di stoccaggio, il cosiddetto panettone, è sempre intatto.

lo-uttaro-071114ab.jpg

Al sito di trasferenza la collina di sinistra è sempre uguale

lo-uttaro-071114cc.jpg

La collina che era a destra ora è spianata, però il cumulo nuovo che è cresciuto ancora più a destra, dietro il chiosco su cui è scritto “depuratore”, sembra uguale alla settimana scorsa. Segno probabile che i rifiuti trattati, che ora formano il cumulo, non sono stati rimossi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: