AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

UN VUOTO DI PAROLE

Posted by ambienti su novembre 17, 2007

Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse
Parlamento, 13 novembre 2007

Audizione del commissario delegato per l’emergenza rifiuti in Campania, dottor Alessandro Pansa

Ascolta o scarica il file audio mp3 da Radio Radicale 

Nella registrazione c’è qualcosa di strano. Si interrompe per qualche minuto l’audio – mentre il lettore continua a girare – proprio quando si parla di discariche. Così Pansa passa da Macchia Soprana a una “grande discarica”, non meglio identificata, da realizzarsi non si sa dove, e a Terzigno. Non si sente quello che dice della discarica a Lo Uttaro, Caserta, che, secondo alcune fonti, è stata citata.
Riascolteremo con attenzione. Se qualcuno ne viene a capo lo faccia sapere. Sarebbe interessante individuare, verso la fine, il parlamentare che commenta: “Sono qui perché la situazione in Campania è peggio di quella dell’Afghanistan”.
Pansa entra in contraddizione con se stesso. Sembra non capire che la logica del “grande inceneritore” va in senso contrario a quello della differenziata che pure auspica. E i soldi? Se bisogna fare subito gli investimenti sulla differenziata perché continuare a puntare al sempre più problematico megainceneritore? Per non far perdere definitivamente l’affare o la faccia a qualcuno? Il piano è evidentemente tutto rattoppato per rispondere ad esigenze divergenti. È confermato che la faccenda delle ecobale cementificate – su cui è nata una polemica ^ – Pansa la dava per scontata davanti alla Commissione. A parte i giudizi sulle specifiche scelte, Pansa annaspa e sembra avere una visione superficiale, o elusiva, dei problemi. Non appare assolutamente all’altezza della situazione. Stiamo inguaiati.

3 Risposte to “UN VUOTO DI PAROLE”

  1. lav said

    Nel sentire Pansa che parla con la Commissione parlamentare usando tanta arroganza nell’ignorare tutti i problemi e le preoccupazioni delle popolazioni e nel sentirlo definire “un sogno” l’accensione degli inceneritori di Acerra e di Santa Maria la Fossa, viene un pensiero un suggerimento da dargli per il “suo” piano, in sintonia con la sua sensibilità: perché non buttare negli inceneritori direttamente le popolazioni? Si risolverebbero in un sol colpo molti problemi. I – quello dei rifiuti direttamente all’origine. II – quello delle proteste. III – quello della disoccupazione. IV – quello del… V – quello… VI…

  2. Comitato foro boario Maddaloni said

    eppure l’idea di incenerire direttamente la popolazione non sarebbe male, dovremmo proporlo a quei bei signori che ci stanno ammazzando.

  3. Il caso lo Uttaro è diventando un caso nazionale, è la vergogna della politica campana.
    Oggi, con l’emergenza rifiuti nelle città, i politici sono latitanti, vorrei tanto che a questa storia si ponesse fine una volta per tutte, ma vedo che lo stato non interviene.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: