AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 4 dicembre 2007

ULTIME DA PIGNATARO

Posted by ambienti su dicembre 4, 2007

A Pignataro Maggiore, dove il Commissariato ha previsto la realizzazione di una discarica in provincia di Caserta, la resistenza della cittadinanza e dei rappresentanti politici continua. Con con un’ordinanza congiunta di sindaci dell’agro caleno, con articolate osservazioni-contestazioni dal Comune di Camigliano al piano del commissario Pansa, con un appello dei due sindaci Vincenzo Cenname (Camigliano) e Giorgio Magliocca (Pignataro Maggiore) che invitano la popolazione a a partecipare alle manifestazioni organizzate dei Comitati Ambientali del territorio.
Tutte le novità sulle iniziative in corso si trovano sui siti:

www.comunedipignataro.it , www.comunedicamigliano.it , www.comune.pignataromaggiore.ce.it

Il documento con le osservazioni del comune di Camigliano al Piano
Comune di Pignataro.it
Camigliano – Il sindaco di Camigliano, Vincenzo Cenname h apresentato le “Osservazioni alla proposta di piano regionale rifiuti Regione Campania: ai sensi

DISCARICA PROVINCIALE A PIGNATARO MAGGIORE
Comune di Pignataro.it
Rifiuti dopo 14 anni di errori continua a intraprendere azioni che non portano alla risoluzione definitiva del Problema Rifiuti in Regione Campania.

Senza via di fuga
Comune di Pignataro.it
della località “Torre Ortello” è frutto di una decisone unilaterale e verticistica del commissariato per l’emergenza dei rifiuti in Campania

Posted in Report | Leave a Comment »

FU VERA SVOLTA?

Posted by ambienti su dicembre 4, 2007

pecoraro_scanio3.jpgIl commissario ai rifiuti non vi piace? Allora ve ne diamo due. Su Repubblica il ministro Pecoraro Scanio intervistato da Antonio Corbo ^. In fondo, un trafiletto sulla mela annurca.

In sintesi. Nel giro di tre ore Roma rivede i 14 anni del caso Campania. E ridisegna il futuro dell´emergenza rifiuti. Prodi riceve Pecoraro Scanio, il ministro aspetta a sua volta Pansa. Prima novità: non uno, ma due commissari dal 2008. Carica sdoppiata. Al prefetto di Napoli, responsabile del pronto intervento, si affianca un liquidatore. Per chiudere tutti i conti con il passato.  Pecorario Scanio dice, sempre pensando a Serre: “Sono molto preoccupato dopo Lo Uttaro a Caserta, nella discarica si è trovato di tutto”.

Era ora, dopo che i cittadini di Caserta lo stavano dicendo e scrivendo da mesi e mesi dappertutto e a tutti. Eppure i verdi casertani, il segretario provinciale e persino un assessore all’ambiente ^, conoscevano la storia e avevano avuto la possibilità di esaminare molta documentazione allarmante (per esempio le relazioni del Comitato dei garanti) che abbiamo via via pubblicato anche in questo blog. Ci volevano proprio un sequestro e una sentenza della magistratura per capire? L’unico verde che aveva capito e strillato è Antonio Roano, tra gli animatori del Comitato Emergenza Rifiuti. Ma ad agosto scorso si è beccato un tentativo di commissariamento della sua sezione dei verdi di San Nicola La Strada da parte del segretario provinciale Enzo Falco.  Sembra che i malumori locali contro di lui non siano finiti ancora. Perché Roano ha dimostrato di essere prima un cittadino preoccupato dai problemi della sua comunità, poi, eventualmente, un verde. Non è così che dovrebbe funzionare? O il signor ministro preferisce essere presidente di un partito di gente imbalsamata su poltrone, poltroncine e persino su qualche sgabello del potere?

Posted in Report | Leave a Comment »

DOVE FINISCONO LE PISTE?

Posted by ambienti su dicembre 4, 2007

Vorremmo capirlo meglio anche noi perché si interrompono all’improvviso le celebrate, costose e pressoché inutilizzabili piste ciclabili a Caserta, come vorrebbe capirlo lo studente Domenico che ci ha mandato una lettera sui disastri vari della città con l’appello a non diventare indifferenti e a non accettare quello che ci sta intorno. Chi ha seguito Ambienti sa che è proprio questo il principio che ha ispirato il blog e, ancor prima, l’attività de Comitato Emergenza Rifiuti e le molte migliaia di cittadini che per mesi hanno protestato contro la discarica a Lo Uttaro fino a ottenerne la chiusura.
In definitiva, a protestare qualcosa si ottiene. Significa che quando le cose vanno storte dipende anche da chi mugugna ma non prende iniziative e pensa di doversi subito arrendere ad andazzi inevitabili. Per lo Uttaro i cittadini più attivi sono riusciti ad ottenere una vittoria importante, sia pure non definitiva.
Purtroppo la discarica fa ancora danni e dovrebbe essere bonificata senza indugio, mentre il drammatico problema dei rifiuti è lontano da una soluzione. Ma ormai i termini della questione sono emersi, sono chiare molte gravi responsabilità. Nessuno si azzarda più a negare i misfatti a Lo Uttaro, come invece avveniva quando abbiamo avviato questo blog. Se ne parla sui giornali e in dibattiti pubblici. Chi è interessato ha la possibilità di informarsi, di farsi una sua idea, di intervenire. Dovrà solo badare a non farsi fregare dalle facce di bronzo che fino a ieri hanno contribuito al disastro e pretendono ancora di impartirci prediche e lezioni.
La vittoria ottenuta potrebbe essere istruttiva e utile per il futuro di questa città: quando qualcosa funziona proprio male dobbiamo protestare, gridare, manifestare in strada, se è necessario denunciare alle autorità competenti e alla magistratura. Anche questo è democrazia. Dobbiamo ricordare sempre di essere cittadini e non sudditi.
Un sindaco, un presidente della Provincia un assessore – per fare qualche esempio a caso – se non si comportano come dovrebbero, o se contribuiscono a catastrofi, valgono meno di zero. Sarebbe giusto se, come tutti i lavoratori dipendenti (paghiamo loro e ogni costo della politica con i soldi delle nostre tasse), ricevessero note di richiamo e lettere di licenziamento quando si comportano male e provocano danni. Mandiamoglieli questi messaggi. Attraverso la rete, attraverso i giornali e, quando sarà il momento, attraverso le schede elettorali.
Nella lettera che pubblichiamo qui di seguito, lo studente Domenico esprime alcune opinioni politiche che sono sue personali. Né Ambienti né il Comitato Emergenza Rifiuti – lo ripetiamo – sono partiti politici. Anche se , ovviamente, l’idea di preferire l’ambiente e la salute delle persone rispetto ad altri interessi presenti nella società – in generale e qui e ora in Campania e a Caserta – ha indubbie implicazioni politiche.
Uno dei nostri obiettivi è sempre stato, dalla parte dei cittadini, di criticare e stimolare le forze politiche, indistintamente, perché assumano posizioni e compiano azioni funzionali al bene pubblico, che dovrebbe essere il fine della politica. Se in questa prospettiva i lettori del blog vogliono esprimere qui le loro personali opinioni o aprire dibattiti, in particolare riguardo ai problemi dell’ambiente nel territorio casertano e campano, li ospitiamo volentieri.

Scrive Domenico Letizia:
Cari cittadini di Caserta e provincia,
sono uno studente della provincia di Maddaloni e ho deciso di pubblicare questa lettera perché oggi la provincia di Caserta è divenuta invivibile. Invito tutti a riflettere e ad osservare …
Caserta è una città completamente da rifare, è da paura ed è anche comico quello che accade. Basta guardare le piste ciclabili; non si sa dove iniziano, dove finiscono e s´interrompono bruscamente sulla strada. Vogliamo parlare dell´Iperion? I nostri furbi governanti dov´è che vanno a costruire? Ovviamente in una zona non edificabile.
Continuiamo con il Macrico, una zona bellissima e abbandonata: se le istituzioni volessero potrebbe diventare un bellissimo parco pubblico invece, nonostante la continua battaglia della cittadinanza, stanno cercando di farla diventare un´altra zona da consegnare a palazzinari e imprenditori senza scrupoli. E la discarica Lo Uttaro? La morte di Caserta. Una discarica costruita a 30 metri dal mattatoio, a 400 da uffici pubblici e a 700 dal nascente policlinico SUN (Seconda Università di Napoli).
I governanti di Caserta non ascoltano per nulla la cittadinanza e la gente deve fare attenzione a non diventare indifferente e a non accettare tutto quello che accade, come camminare per strada con cumuli di immondizia, con conseguenze che stiamo pagando ogni giorno. Siamo la regione con la più alta percentuale di tumori! La politica oggi è divenuta non voglio dire corrotta, ma peggio: clientelismo, i voti si comprano come alle aste e i compagni di Maddaloni sanno bene come avvengono le votazioni in questa città, regalando…
Lancio anche una dura critica al Partito della Rifondazione Comunista, partito che una volta diceva di essere il partito degli oppressi e che oggi in piazza e tra la folla è dalla nostra parte e poi nei gabinetti politici è dall´altra: penso al Macrico e allo Uttaro a Caserta, ma anche alla base militare a Vicenza.
Cari studenti, noi dobbiamo diventare protagonisti; iniziamo dall´interno delle nostre scuole a creare OPPOSIZIONE SOCIALE, ad unirci in Movimenti per contrastare questa politica non politica. Svegliamoci e riappropriamoci delle nostre città. Facciamo capire ai nostri governanti che non siamo stupidi!
Sperando in qualche risposta.
Saluti libertari,
Domenico Letizia (un anarchico che oggi parla da cittadino)
email: anarhkydom(@)hotmail.it (per usare l’indirizzo togliere dalla chiocciola le parentesi antispam)

Posted in Report | 7 Comments »