AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL CASSONE VIEN DI NOTTE

Posted by ambienti su dicembre 29, 2007

s6300088b.jpg

Durante la notte scorsa un piccolo esercito di 300 persone ha piazzato per tutta Caserta cassoni – qualcuno li ha chiamati megacassonetti – per contenere i rifiuti che ormai formavano montagne in ogni quartiere della città. L’idea sarebbe di “contenere” fino a Capodanno lo straripare dei rifiuti nelle strade, in attesa che venga individuata un’altra soluzione possibile per lo stoccaggio almeno provvisorio. Ma i cassoni, come si vede dalla foto, non risolvono molto, visto che, riempiti i nuovi contenitori, i cumuli restano e sono destinati a crescere nei prossimi giorni. Alcuni luoghi della città si sono trasformati in vere e proprie discariche. I servizi comunali chiamati a intervenire non sanno fare altro che appellarsi all’emergenza.
Nelle sedute del Consiglio Comunale di ieri sera e di stamattina non è stata definita alcuna alternativa alla drammatica situazione. Dopo il fallimento di tutte le ipotesi in zona Lo Uttaro, non si riesce a trovare nell’ampio territorio comunale un’area utilizzabile per lo stoccaggio. I rifiuti hanno formato alti cumuli anche nelle vie del confinante comune di San Nicola La Strada, come in molte parti delle province di Caserta e di Napoli.
Continua la divaricazione tra le strombazzate “decisioni risolutive” sul piano burocratico – cambio del commissario, sdoppiamento delle funzioni – e l’assoluta incapacità di amministratori e governo di trovare sul piano reale soluzioni da attuare rapidamente, come sarebbe necessario, e senza provocare catastrofici “effetti collaterali”. C’è chi le soluzioni ragionevoli le ha proposte ^ , ma purtroppo fino a questo momento non sono neanche state prese in considerazione.
Il neonominato commissario per l’emergenza Umberto Cimmino in un’intervista a Salvo Sapio del Mattino ha dichiarato: “Tutte le soluzioni tecniche sono state avviate dal commissario Pansa, aspettiamo la costruzione del termovalorizzatore di Acerra per dare una svolta a Napoli e in provincia”.
Il nuovo commissario sembra non essere al corrente del fatto che il progetto del termovalorizzatore è tornato in alto mare e difficilmente potrà essere portato a termine entro l’anno prossimo, non certo a causa di qualche corteo degli ambientalisti – che fondatamente contestano l‘ecomostro – ma soprattutto perché l’impianto ha rivelato nel progetto tecnico di costruzione magagne fondamentali a cui non sarà facile rimediare. Figuriamoci che cosa potrebbe accadere se un giorno dovesse cominciare a bruciare rifiuti davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: