AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

UNA BEFFA A RETI UNIFICATE

Posted by ambienti su gennaio 3, 2008

di Pasquale Costagliola ^

Le esternazioni di fine anno del presidente della Repubblica hanno riproposto uno schema consueto, per non dire ovvio, nelle linee generali del discorso alla nazione. Nello specifico argomento della condizione di emergenza della Campania vi è stato un brevissimo accenno all’insegna della disinformazione prevalente operata dagli ambienti ufficiali. Napolitano si è fatto in effetti portavoce delle teorie nichiliste asserite da Bassolino, Iervolino e da tutto il più fedele entourage del governatore.
A quanto pare, ascoltando il messaggio pronunciato a reti televisive unificate dalla prima carica istituzionale, la colpa della crisi epocale che sta distruggendo il nostro territorio è derivata da particolarismi e paure insensate della gente.
Parole in sintonia con le affermazioni stizzite dell’assessore al turismo della Regione Campania Marco Di Lello che ha invocato, a proposito di Carabottoli e della resistenza degli abitanti alla discarica, l’intervento dell’esercito. L’esponente della giunta si è mostrato preoccupato per le sorti di una improbabile Napoli da bere che trova la sua espressione nelle feste di piazza Plebiscito .
Esiste una vulgata che riesce a penetrare in una parte dell’opinione pubblica anche nazionale, con la quale si addossa alla popolazione campana la mancata soluzione del problema rifiuti. Nel blog di Bassolino si può leggere in un passo ^, a commento dell’articolo recente di Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera ^, che esistono paure irrazionali che pervadono i campani rispetto alle discariche. Un discorso condotto su un sottile filo che va dal demenziale alla malafede.

In un territorio reso esausto da migliaia di discariche, di depositi di (eco)balle sorte a ridosso dei centri abitati, luoghi mefitici che stanno inquinando le falde, qualcuno si prende il lusso di minimizzare il tutto, riducendo la questione a paura irrazionale e a forme di sindrome nimby. L’articolo del Corriere commentato da Bassolino parlava del termovalizzatore di Venezia, ma il governatore della Campania si guarda bene dall’accennare ad Acerra, all’impianto catastrofico della Fibe che sta sprofondando senza colpa dei manifestanti. Né accenna, il buon Antonio da Afragola, ai tre milioni di euro a lui richiesti dalla Corte dei Conti per responsabilità nel disastro, o alle collaborazioni miliardarie che coinvolgono la Provincia di Napoli.
 Il sindaco Iervolino ha fatto sponda a questi florilegi regionali del governatore e del suo assessore, mettendosi nella scia del discorso di Napolitano e chiedendo solidarietà ai comuni con maggiore estensione territoriale. Un sacrificio dovuto per la pulizia di Napoli a discapito del futuro dell’intera Campania, soprattutto senza alcuna potenziale soluzione da mettere in campo.
Quello che colpisce la gente di questa sfortunata regione è l’assoluta indifferenza alla catastrofe che si abbatte sul territorio, la crudeltà di un potere politico sui cittadini che con arroganza manda la polizia per reprimere il dissenso sacrosanto mentre sui giornali si sciacqua la faccia sporca della menzogna. Lo stesso commissariato, espressione del governo centrale, mantiene ferma la menzogna di un territorio riottoso all’ordine, insofferente alla pulizia, eteroguidato dalla camorra. In realtà, ancora una volta, è l’istituzione che si è fatta infiltrare dalla criminalità, come è dimostrato dai tanti esempi di malaffare annidato all’interno del commissariato.
Per tutto questo il messaggio di Napolitano suona come un’altra insolente beffa alla nostra disgrazia.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: