AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

CASERTA IN QUARANTENA

Posted by ambienti su gennaio 5, 2008

yellow.jpgUn’unità di crisi del Comune riuita intorno all’assessore all’istruzione Giuseppe Casella ha deciso stamattina di tenere chiuse da lunedì le scuole nel territorio comunale. Si sta valutando la possibilità di chiudere anche gli uffici per evitare i movimenti di popolazione in una città divenuta un immondezzaio che ora comincia a puzzare forte e in cui si moltiplicano i rischi di ogni tipo.
La ASL ha scritto al Comune che le concentrazioni di rifiuti create in città, anche con gli scarrabili, sono fonte di pericolo sanitario e che i residui di rifiuti bruciati, estremamente tossici, non vanno mischiati ai normali rifiuti urbani. L’idea dei cassoni scarrabili davanti alle case, e persino davanti a una scuola elementare, si è rivelata un’altro errore che ha avuto probabilmente l’effetto di differire la ricerca di soluzioni più sensate.
In questo contesto provinciale e regionale non è possibile scegliere “soluzioni provvisorie” che rischiano di creare nel giro di pochi giorni più problemi di quanti non ne risolvano. Per il semplice motivo che, mancando sbocchi successivi, tutto ciò che dovrebbe essere “provvisorio” quasi certamente si trasformerà in permanente.
Considerando il contesto, sembra assurda e pericolosissima l’idea di utilzzare per lo stoccaggio “provvisorio” dei rifiuti il capannone dell’ex Ucar Carbon in area Saint Gobain. Il capannone si trova a pochi metri dalle case del quartiere Acquaviva di Caserta e di nuovi quartieri di San Nicola. Gli abitanti si ritroveranno la puzza e i pericoli dei rifiuti ancora più vicini di quando arrivavano da Lo Uttaro. Sembra una deliberata persecuzione che gli amministratori vogliono continuare a infliggere in particolare a una zona del territorio. Ci sono interessi in gioco? I cittadini saranno costretti a fuggire da quella zona come profughi? Intanto comitati di quartiere stanno preparando denunce contro il sindaco individuato – per le specifiche funzioni che gli attribuisce la legge – come principale responsabile del disastro sanitario in corso. Per quanto sta avvenendo in questi giorni, ma anche per le azioni e le omissioni sulla questione rifiuti da quando il sindaco è in carica.

Annunci

8 Risposte to “CASERTA IN QUARANTENA”

  1. mp said

    Sono stata a casa dai miei genitori durante la prima settimana di ottobre 2007. I miei abitano nel comune di Carinola. Mia madre mi ha comunicato che fanno differenziano l’immondizia raccogliendo separatamente le bottiglie di plastica, l’unica differenziazione che viene fatta. Abbiamo portato fuori dal vico i sacchetti con le bottiglie di plastica il giovedì, giorno destinato alla raccolta, ed il sabato mattina, giorno in cui sono partita i sacchetti stavano ancora fuori dalla porta! Ma cosa cazzo debbono fare i cittadini per farsi raccogliere la munnezza differenziata? La debbono portare alla piattaforma? E dove sta la piattaforma per i rifiuti differenziati? E perchè non si differenzia pure la carta e il vetro? E la raccolta dei riufiuti organici per il compostaggio? Cosa cazzo fa il comune invece di predisporre le aree adibite alla differenziazione dei rifiuti? E i soldi che i cittadini pagano per la raccolta differenziata che il comune non fa??? Ma perchè vi fate prendere per il culo così? Mandateli a casa a legnate i vostri amministratori! Scaricatela davanti casa loro la munnezza! Voi prendete le mazzate dalla polizia e loro si aumentano gli stipendi! Ribellatevi e cominciate a fare da voi la differenziazione almeno dei rifiuti organici, fatevi il compostaggio negli orti, nei campi, fatevi il concime. Buona fortuna

  2. francesco silvestre said

    Siamo residenti in Parco la selva 3 di caserta e siamo interessati ad avere notizie in merito alle denunzie già predisposte da cittadini o comitati di quartiere in merito alla possibile raccolta di rifuti nell’area ex Saint Gobain. Anche noi in verità abbiamo preparato già un esposto circostanziato che stiamo facendo firmare a tutto il condominio. Domani pensiamo di raccogliere altre firme alla manifestazione che si terrà domani alle ore 10 da piazza dante.

  3. Lucia said

    Sono di San Nicola la Strada, mio figlio è un alunno del Liceo Scientifico “A.Diaz” S.A. di San Nicola la Strada, e vorrebbe sapere se l’ordinanza è stata estesa a tutti i comuni della provincia casertana o almeno nei dintorni, perché la situazione sannicolese è una delle peggiori.
    Grazie.

  4. arch.Villano said

    Io mi sono candidato a fare il commissario:
    http://archvillano.wordpress.com/2008/01/07/emergenza-rifiuti-lettera-aperta-al-presidente-del-consiglio-dei-ministri/

  5. Lina said

    Vorrei sapere cortesemente per quanto le scuole rimarranno chiuse

  6. ambienti said

    X Lina
    La situazione è ingarbugliata. Per Caserta resta l’ordinanza del sindaco per la chiusura, ma si scontra co le disposizioni del capo del governo Prodi che ha dichiarato inammissibile la disposizione e ha fatto intevenire il genio militare per sgomberare i rifiuti intorno alle scuole. Secondo noi ha ragione il sindaco, che ha responsabiltà precise per la situazione sanitaria e non può essere scavalcato da un capo del governo il quale, nonostante abbia parlato di “tragedia”, non sembra rendersi ben conto della situazione. Certo “prima l’istruzione”, come ha detto Prodi, che è essenziale per conservare e far crescere la civiltà. Però qui c’è pericolo vero e ripulire intorno alle scuole è un rimedio molto relativo. I bambini non abitano dentro le scuole. Loro e i loro genitori devono attraversare uno schifo immane per arrivare a destinazione.
    Visto che la faccenda è complicata le disposizioni possono cambiare di ora in ora. Ti conviene fare attenzione ai telegiornali e in rete per Caserta puoi leggere Caserta c’è ( http://www.casertace.it/home.asp )che sta seguendo gli sviluppi.

  7. Cristina said

    Qualcuno sa dirmi di una manifestazione prevista per martedì 8 gennaio ore 19.00?

  8. ambienti said

    L’appuntameto è per stasera, 8 gennaio, alle 19 a piazza Dante (ex piazza Margherita)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: