AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL SORRISO DELL’IMMONDIZIA

Posted by ambienti su gennaio 20, 2008

 di Pasquale Costagliola – Terra Nostra ^

Mentre cresce il tonnellaggio di immondizia per le strade, nessun provvedimento strutturale sembra proporsi in campo da parte del comune di Caserta. Le sole iniziative attuate sono la rimozione di rifiuti trasportati nell’ex Ucar ^, un ennesimo sito contaminato su cui porre altra contaminazione, e un problematico avvio di raccolta di materiale riciclabile ^ . Si ventila una ulteriore pericolosa iniziativa tendente ad allocare l’immondizia nella ex cava D’Agostino per la quale ancora oggi vale il sequestro giudiziario per procedimento penale in corso. La prospettiva del sindaco, avallato dalla Provincia, è addirittura di costruire un impianto di smaltimento non ben definito sui Tifatini. Un progetto folle, che peraltro non ha alcuna base concreta. Si tratterebbe di attrezzare l’ennesimo mucchio selvaggio di munnezza a pochi metri dalle case, contra legem e contro la salute dei cittadini. In più dando spazio a queste demenzialità si disfano le ipotesi di riqualificazione di un zona martoriata dalla speculazione dei cavaioli.
Sul fronte della differenziata, solo dietro la spinta dei comitati si è riusciti ad allestire un’area di raccolta per materiale riciclabile: plastica, vetro, latta e carta. Purtroppo un’iniziativa che rappresenta il classico ago nel pagliaio. Il sito di raccolta, come è noto, è stato ricavato dal parcheggio dello stadio Talamonti, piuttosto fuori mano soprattutto per anziani e persone senza auto. Da rilevare che ancora pochi sanno dell’iniziativa e il massimo sforzo per divulgare questa azione volontaria di conferimento è stato fatto sinora dai comitati. Nel posto non c’è un addetto che possa indirizzare la gente a una giusta ripartizione del materiale, anche perché non c’è stata mai in città una campagna di informazione propedeutica alla differenziazione. I cittadini sono soli, lasciati al loro self service, al massimo c’è il volontariato di comitati ed associazioni.

L’emergenza dell’emergenza non cambia nulla. Le norme “nuove” che darebbero potere di commissariare i comuni inadempienti per la raccolta differenziata erano già esistenti e mai applicate. L’andazzo attuale è sempre lo stesso, nessuna voglia di reagire al dramma che monta. I cumuli freschi di immondizia mostrano cataste di migliaia di cartoni sparsi ovunque, plastica e carta. Tutto materiale infiammabile e, comunque, che fa volume per le discariche.
Di fronte al caos il consiglio comunale si trastulla e mostra i sorrisi dei consiglieri di maggioranza. Non si capisce cosa c’è da sorridere in questi frangenti. Nessuna vera energia è stata messa in un tentativo di recuperare il secco riciclabile. Bisognerebbe individuare punti di raccolta del cartone e degli imballaggi per gli esercizi commerciali, controllare il conferimento, creare sistemi di trasporto mobilitando la protezione civile (vista l’assenza della SACE), aiutare ed informare i cittadini, allestire almeno cinque posti di conferimento con personale addetto. Tutto questo è nel libro dei sogni e l’unico pensiero che agita i nostri politici, oltre a giocare a mosca cieca nei consigli comunali, è quello di trovare forse un nuovo sito di sversamento che arricchisca qualcuno e avveleni la popolazione.
L’amministrazione comunale ha opposto un rifiuto all’aiuto offerto dalla Caritas che ha pronto un piano di intervento sul territorio casertano per avviare la raccolta differenziata in maniera volontaria. L’assessore ha dichiarato di voler controllare la raccolta con le strutture comunali, le stesse che stanno facendo salire al secondo piano i cumuli di immondizia. Tra qualche giorno ci sveglieremo in un incubo ancora più orribile e questi signori continuano a sorridere, non sanno che forse avranno difficoltà a passeggiare la sera sul Corso con tanta nonchalance.

Advertisements

Una Risposta to “IL SORRISO DELL’IMMONDIZIA”

  1. Franco said

    Alla parrocchia di Puccianiello ed a quella di Lourdes sono stati distribuiti dei volantini per invitare tutti i cittadini delle due periferie alla raccolta diferenziata (per il momento carta, plastica ed alluminio). Da lunedì 28 gennaio partirà questa raccolta “fai da te”, sembra dai cortili delle parrocchie stesse. Solo dal basso può partire la raccolta differenziata, mentre dai palazzi del potere dormono ancora (o sono indagati)….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: