AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

SPICCIOLI PER UN CONVEGNO

Posted by ambienti su febbraio 6, 2008

LA PUZZA DELLA MONNEZZA NON VI PIACE?
PROVATE A CONSOLARVI CON LA SACHER TORTE

CLICCA PER LA RICETTA

Nell’immagine una fetta di Sacher torte^,
tipico e delizioso dolce viennese al cioccolato.
Quante porzioni se ne potranno mangiare con 4541 euro?

Certo i 4541 euro spesi dalla Provincia di Caserta per un viaggio a Vienna sono spiccioli rispetto ai compensi stellari, fino a un milione di euro all’anno, che – come ci sta raccontando la magistratura ^ – sarebbero stati percepiti dai vari addetti al Commissariato che avrebbe dovuto assicurare gestione e smaltimento dei rifiuti campani. Però, pur nel suo piccolo, la spesa – segnalata dal numero in edicola Caserta ieri e oggi, in un interessante articolo di Francesco Marino che fa le pulci alla gestione economica dell’ente Provincia sotto la presidenza di Sandro De Franciscis – appare significativa degli sprechi del “sistema” emergenza rifiuti. I 4541 euro sarebbero stati pagati a un’agenzia di viaggi per far andare qualcuno – l’articolo non precisa chi – a un convegno a Vienna sulla gestione del ciclo dei rifiuti. Missione lodevole se solo fosse servita minimamente a schiarire le idee in Provincia, a non farci precipitare nell’attuale catastrofe, a velocizzare l’elaborazione del Piano rifiuti di cui è stato solo da poco annunciato – dopo un anno e passa di indugi – un embrionale Atto di indirizzo ^. E invece quei 4541 euro diventano un altro malinconico pensiero per il cittadino che si affaccia alla finestra e anziché ammirare l’ordine mitteleuropeo vede pittoreschi cumuli di monnezza mediterranea.
A proposito di Vienna. Quanti sono ad aver fatto caso che dagli adoratori della termodistruzione vengono spesso citati gli impianti di grandi città come Vienna, Copenaghen, Barcellona, glissando sul fatto che da noi i termodistruttori sono in programma in luoghi fuori mano come Acerra o Santa Maria La Fossa? Perché, al contrario che in altre nazioni, vengono destinati a località così distanti dai grandi centri urbani dove si produce la maggior parte dei rifiuti e dove sarebbe perciò più semplice ed economico trattare direttamente la “materia prima”?

Non è solo questione di “la vostra monnezza tenetevela voi”. Il dover gestire il ciclo dei rifiuti in casa, senza la falsa illusione di poter usare terre lontane come pattumiera permanente – con o senza termodistruttori – porta sicuramente a una maggiore responsabilizzazione degli amministratori e della cittadinanza per le scelte ambientali. È vero che a Vienna si bruciano i rifiuti, però – al contrario di quanto cercano di farci credere – anche lì ci sono ampie fasce di popolazione preoccupate per la faccenda. In risposta a loro i gestori dell’incenerimento sono stati obbligati a rendere sempre disponibili i dati di un monitoraggio continuo degli impianti e dei loro fumi, via internet e con appositi quadri di controllo nelle strade, visibili per ogni passante. Di conseguenza a Vienna è alta la percentuale di raccolta differenziata, allo scopo di ridurre la varietà e la quantità di rifiuti da incenerire, ovvero i danni. E a Vienna c’è già chi pensa al “dopo” termodistruzione. Lì, comunque, a nessuno viene in mente di risolvere il problema andando a devastare – con termodistruttori o distese di ecoballe – territori con tradizioni agricole.
Quel che potrà accadere qui con i termodistruttori “dislocati” è facile immaginarlo. I dati veri dell’incenerimento, che nessuno controllerebbe, riusciremmo forse a conoscerli dopo una decina d’anni attraverso qualche intercettazione disposta dalla magistratura (se ne frattempo non sarà stata “neutralizzata”). Perché è sempre più chiaro che per noi, dietro la drammatica emergenza dello smaltimento dei rifiuti, il vero problema è quello dello smaltimento degli amministratori politici e della complice burocrazia che ci ritroviamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: