AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

L’APOCALISSE DELLA MONNEZZA

Posted by ambienti su febbraio 11, 2008

L’appello di Pasquale Costagliola del Comitato Cittadini Casertani in vista dell’incontro che il Comitato ha organizzato per martedì 12 Febbraio, alle 19, nel salone della chiesa del SS. Nome di Maria a Puccianiello.

di Pasquale Costagliola

DurerTutto va bene madama la marchesa, questo potrebbe essere il motto dei nostri amministratori, comunali, provinciali, regionali e nazionali. In fin dei conti l’immondizia nelle strade non ha ammazzato nessuno, come dice Rosa Russo Iervolino in una sua intervista piccata in tv. D’altra parte stiamo benissimo dal punto di vista della salute, lo dicono Bassolino, De Franciscis ed i medici prezzolati che sono stati sguinzagliati per televisione a convincere che le malattie addebitate alle discariche non esistono o se esistono non dipendono dalla munnezza e dai rifiuti tossici interrati. Così le risultanze dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità vengono smentite come pure sono annullati i report della rivista autorevole Lancet, senza considerare i dati di Medici per l’ambiente.
Questo è l’atteggiamento del sistema di potere sminuire, annullare, nascondere, coprire il misfatto cercando di narcotizzare la popolazione in tutti i modi. Nel frattempo De Gennaro cerca di sversare nelle solite e sempiterne discariche riaperte e ricolmate negli anni seguendo il filo di Bertolaso, di Pansa, di Catenacci, di Bassolino. Senza farsi mancare i soliti e faraonici finanziamenti, leggasi 25 milioni di euro per allestire Ferrandelle e per i trasporti del tal quale dai siti di trasferenza a S. Maria La Fossa. Le altre regioni dalle ultime parole apprese si chiamano fuori da ogni forma di solidarietà. Intanto l’Europa resta a guardare con la minaccia di sanzione di 700 milioni di euro di penalità. Una situazione da apocalisse che non sembra suscitare grande apprensione nella nostra classe dirigente che continua a sopravvivere senza guizzi di reazione.

L’intera provincia di Caserta è oramai segnata come territorio avvelenato, persino in Papuasia conoscono della vicenda rifiuti e dell’avvelenamento dei nostri prodotti agrozootecnici. Il comparto agricolo è boccheggiante ed il turismo è in fin di vita per l’emergenza rifiuti. E all’orizzonte non c’è un filo di speranza, il mondo politico che s’appresta alla solita kermesse elettorale non spende una parola su questa crisi epocale. Non stiamo vedendo un programma serio di intervento di cui qualche leader si faccia promotore. La nostra classe politica (fatte le dovute eccezioni nei ranghi più piccoli) si conferma assolutamente inadeguata. Molti se non tutti i quadri medio grandi dei partiti non conoscono i problemi e se li conoscono mancano di concretezza operativa. Su questo ultimo aspetto si rileva l’inanità dei professionisti dell’ambiente che per anni hanno pontificato sull’ecologia ed al momento cruciale sanno sol proporre qualche dibattito.
Che fare? Due sono le scelte: o emigrare come molti stanno facendo o pensano di fare, o resistere con tutti i mezzi possibili. La seconda ipotesi è certo la più difficile e dovrà articolarsi in una strategia efficace tesa a mobilitare innanzitutto la popolazione, perseguire obiettivi concreti da imporre alla politica e sottolineare l’inefficacia della classe dirigente chiedendo un rinnovamento del sistema. Per tutto questo il Comitato Cittadini Casertani chiama in assemblea la cittadinanza martedì 12 febbraio nella chiesa di Puccianiello alle ore 19,00.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: