AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

LA CITTÀ NON DISTRATTA

Posted by ambienti su febbraio 21, 2008

*
APPUNTAMENTO A CASERTA VENERDÌ 22 FEBBRAIO
AL MONUMENTO AI CADUTI ALLE 9.3O
NO AI RIFIUTI NELLE STRADE DELLA PROVINCIA
SI A UN CICLO SANO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

*

L’incontro ha dato luogo a un’assemblea all’aperto tra una cinquantina di cittadini. Al centro alcune delle solite domande. Dov’è il piano provinciale dei rifiuti? Che stanno combinando i nostri amministratori? A parte autoassolversi nel chiuso dei loro palazzi, mentre il mondo intero ^ riversa beffe su di loro e su di noi che purtroppo li abbiamo incautamente scelti e ora ce li dobbiamo sopportare. Visto che non hanno il senso ella decenza per dimettersi e che qualcuno di loro lancia ancora proclami ^ contro chi con “faziose manifestazioni” e con “inciviltà” continua – e continuerà – a contestare la loro incompetenza e la loro inettitudine. Evidentemente su cosa sia fazioso, su cosa sia la civiltà e su cosa sia la democrazia non hanno idee molto precise. Guardatevi intorno. Se lo schifo che vi vedete intorno è per giunta il loro modello della civiltà, siamo proprio nei guai.

Annunci

2 Risposte to “LA CITTÀ NON DISTRATTA”

  1. Ivan & Rosaria said

    Pensiamo che questa maggioranza comunale, con il suo sindaco, non abbia né cervello né dignità. Complimenti!

  2. Massimo said

    Cari ivan e rosaria,
    la saggezza popolare dice: per avere vergogna, bisogna avere coscienza. Appunto, se uno crede che le cose che fa siano giuste le deve difendere, ma quando tutti gli altri dimostrano una verità certa ed inconfutabile come: LO UTTARO, la mancanza totale di un piano che lo stesso sindaco e presidente della provincia hanno accettato di fare nel protocollo d’intesa del 2006, e che poi negano di poter fare, e tanto meno se ne fanno promotori, per essere almeno propositivi … questo significa che se non hanno la dignità di stare zitti e la dignità di riconoscere di aver sbagliato, avendo contraddetto continuamente quello che loro stessi dicono di aver fatto, be’ allora sono senza coscienza. Un essere umano senza coscienza di sé, o è senza cervello o è un’animale di specie inferiore all’uomo.
    Dico spesso che gli uomini si distinguono dai ceci perche sono in grado di migliorare il mondo in cui vivono, metre i ceci no, anche se li metti in aqua non si ammorbidiscono. Non difendiamo le posizioni di chi non sa in che posizione sta, non difendiamo l’operato di chi non ha operato, non difendiamo quello che fa chi in realtà dice di fare ma non fa nulla. Per il contadino non è importante quanti solchi fa nella terra, ma quanto siano profondi e quanti semi farà crescere con la cura che metterà nel suo lavoro. Di questi burattinai e trasformisti ne abbiamo abbasanza, ora è il momento di fatti, differenziata, controllo del territorio, sviluppo sostenibile per le citta, incentivi per comportamenti virtuosi, come la TIA (tariffa sui rifiuti), servizi pubblici eco-compatibili, sviluppo di servizi di fornitura ai cittadini con sistemi eco-compatibbili.
    Altrimenti tutti a casa e avanti un altro!
    Massimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: