AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

NON VOTATE IL PROSSIMO BOSS

Posted by ambienti su febbraio 26, 2008

insalatab.jpgAltri fanghi tossici provenienti da impianti industriali del Nord, in particolare della Lombardia, venivano interrati in provincia di Caserta, a Frignano e a Villa Literno dopo aver raggiunto il territorio con un giro di carte false che li destinava a un sito di compostaggio a Trentola Ducenta. Lo ha svelato l’operazione Ecoboss condotta dai carabinieri del Nucleo Tutela Ambiente e del Reparto Territoriale di Aversa che ieri mattina ha portato a un provvedimento di custodia cautelare per un personaggio indicato dagli inquirenti come esponente di primo piano del clan dei casalesi.
Il procuratore aggiunto Franco Roberti, coordinatore della Dda di Napoli ha dichiarato: “Per la prima volta è stata dimostrata la gestione diretta da parte di organizzazioni criminali in questo traffico illecito”. In precedenti inchieste erano emerse solo “infiltrazioni” della criminalità organizzata nell´affare rifiuti. I danni ambientali sono enormi e gli le sostanze inquinanti sono entrate anche nella catena alimentare.
La notizia si trova con maggiori dettagli in vari luoghi del Web e su tutti i giornali. Qui ci interessa notare quanto ha scritto il gip nel provvedimento cautelare eseguito dai carabinieri: “Va rimarcata, in primo luogo – si legge – sia la carenza di verifiche che la grande difficoltà nel ricostruire i flussi dei rifiuti da parte delle autorità preposte al controllo, ed in tale contesto non può sottacersi che proprio appartenenti alla pubblica amministrazione in alcune circostanze sono i primi conniventi di queste organizzazioni criminali in quanto ne facilitano l´acquisizione di provvedimenti autorizzativi per impianti fatiscenti e tecnicamente carenti”.
Il senatore della Sinistra arcobaleno e presidente della Commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano, ha commentato: “L’operazione della magistratura e dei carabineri di oggi svela nuovi particolari inquietanti sul traffico illecito dei rifiuti verso la Campania. Ogni nuova inchiesta rivela non solo le infiltrazioni della camorra, ma la rete di complicità nella politica e nelle istituzioni che hanno favorito la criminalità organizzata. Lo smaltimento illecito è dovuto anche alla connivenza di chi ha gestito, al comportamento compiacente ed interessato di chi era preposto al controllo. I rifiuti erano il centro dello scambio di consensi e delle clientele tra una parte della politica che ha gestito in questi anni il ciclo dei rifiuti e la criminalità organizzata. Su questo si può solo essere d’accordo con il procuratore Lepore, la camorra non può essere un alibi per quelle figure istituzionali che sono complici del disastro ambientale”.
Il normale cittadino per contrastare direttamente la camorra difficilmente può fare molto di più che dare pieno incoraggiamento alle forze dell’ordine e alla magistratura impegnate nella lotta. Però sarebbe utile se all’occasione riflettesse per poter avere come cittadino onesto comportamenti conseguenziali. Per esempio chiedendosi dov’è che la malavita – variante tatuaggio o variante colletto bianco – potrebbe trovare un posto così comodo come la fiera di interessi personalistici, di infingardaggine e di pressappochismo – oltre che di palese clientelismo – di certe amministrazioni locali. Una fiera in cui sono anche evidenti le responsabilità dei governanti nazionali che vengono qui ogni tanto per fare passerelle propagandistiche e regolare le partite di dare e avere con i loro “campioni”. Informatevi e rifletteteci. Per fare in modo che il vostro prossimo voto non serva a spianare la strada al prossimo boss e a farvi arrivare altri cibi avvelenati in tavola.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: