AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 21 marzo 2008

PER PASTORANO IL TAR DICE NO AI RIFIUTI TOSSICI

Posted by ambienti su marzo 21, 2008

di Giuseppe Messina – Legambiente

Pastorano come Lo Uttaro. Ancora una volta la Magistratura ferma il tentativo di disastro ambientale e la distruzione dell’agricoltura e della zootecnia casertana. Con una fulminea sentenza il TAR Campania, prima sezione, presidente Antonio Guida, ha accolto il ricorso presentato da numerosi coltivatori e allevatori bufalini di Pastorano difesi dall’avvocato Pietro Romano di Caserta, e ha annullato ogni atto che avrebbe trasformato una fondamentale area vocata all’agricoltura e alla zootecnia in una zona per la lavorazione di rifiuti tossici e nocivi. Addirittura la costituzione in giudizio della Regione Campania non è stata ammessa dai giudici napoletani.
I fatti. La ditta Esogest Ambiente S.r.l. con una serie di atti “miracolosi” del comune, della Provincia e della Regione aveva ottenuto l’autorizzazione per realizzare su un terreno della curia di Capua, e da una precedente autorizzazione per un’industria che avrebbe dovuto fabbricare pannelli fotovoltaici, un impianto complesso per lo stoccaggio e trattamento di rifiuti speciali. Ancora una volta responsabili le istituzioni locali – comune di Pastorano, Provincia di Caserta e Regione Campania – per gli atti, pareri e valutazioni ritenuti illegittimi dal TAR e quindi nulli. L’impianto della Esogest che avrebbe lavorato i rifiuti industriali, provenienti da ogni parte, non si farà.
L’agricoltura e la zootecnia, prime vittime delle attività illecite, degli inquinamenti diffusi, della mancata programmazione o di scelte sbagliate, questa volta, insieme alla società civile, agli ambientalisti e a tutti quelli che vogliono il bene comune di questa povera terra, possono gioire e sperare. Gioire perché un danno si è evitato. Sperare perché le istituzioni, ma anche gli imprenditori, capiscano che la società civile non è più disposta a tollerare abusi, illegalità e violenze all’ambiente e alle risorse.
Chi sbaglia dovrà pagare ed ora sulla vicenda Esogest si aprirà l’accertamento sulle responsabilità penali, su omissioni abusi e quant’altro avevano consentito di passare, senza colpo ferire, da un’industria a nullo impatto ambientale (costruzione di pannelli fotovoltaici) a un’industria per rifiuti tossici e nocivi.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | Leave a Comment »