AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 20 Maggio 2008

DIFFERENZIATA, BOCCIATO IL COMUNE DI CASERTA

Posted by ambienti su Maggio 20, 2008


Il Comune di Caserta è tra quelli in lista per il commissariamento della gestione dei rifiuti in riferimento al mancato avvio della raccolta differenziata prescritta all’articolo 3 dell’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3639 dell’11 gennaio 2008^.

Posted in Report | 2 Comments »

DALLA FRANCIA CON DISGUSTO

Posted by ambienti su Maggio 20, 2008

Libération, il quotidiano della sinistra francese, ha dedicato le prime quattro pagine al caso rifiuti di Napoli ^. In prima pagina c’è il titolo “Voir Naples et pourrir” (Vedi Napoli e marcisci), parafrasi del famoso detto “Vedi Napoli e poi muori”. Il sottotitolo spiega che il problema dei rifiuti è strettamente legato a quello della mafia “Nettoyer la ville envahie par les ordures et combattre la mafia qui en fait commerce sont les premiers défis du gouvernement Berlusconi” (Pulire la città invasa dall’immondizia e combattere la mafia che ne fa commercio sono le prime sfide del governo Berlusconi). Il tutto è corredato con una foto gigante di una strada invasa dalle immondizie.
A pagina 2 c’è un editoriale intitolato “Malata”, con riferimento all’Italia, e si legge a proposito della raccolta dei rifiuti: “questo servizio minimo che lo stato e le collettività locali assicurano da Singapore a New York, lo stato italiano e la Campania non possono assicurarlo a Napoli”. L’editoriale continua con un pesante attacco a Silvio Berlusconi definito “Maestro di populismo e buon recettore degli uomini del suo popolo, Berlusconi ha promesso di riuscire là dove tutti hanno fallito – compreso il suo primo governo – e di portare la pulizia a Napoli”. “L’Italia ha la malattia del suo Mezzogiorno – scrive ancora Libération – per tanto tempo utile per portare manodopera a buon mercato a un Nord che si vuole prospero e europeo. Salvo poi abbandonare la metà del paese nelle mani della mafia e delle sue marionette politiche”. E’ un “modello ineguale che appartiene più al terzo mondo che non a un’Europa sviluppata” e “con tutti gli indicatori economici italiani in rosso, disoccupazione, deficit, crescita, diseguaglianze, si può dubitare che Berlusconi, la cui fortuna ha un odore ben sospetto, sia il più adatto per risanare il suo paese. Lui che si presenta come un imprenditore di successo che si è fatto contro uno stato che oggi afferma di incarnare”.

Posted in Report | 1 Comment »

CHE INTOPPO LA LEGGE

Posted by ambienti su Maggio 20, 2008

La puzza ieri, lunedì, si è propagata intorno alle 20. Per tutta la giornata alla discarica sotto sequestro a Lo Uttaro c’era stato un gran viavai. Oltre il cancello si scorgeva gente indaffarata con carte e registri. Che stanno combinando? Questa volta la puzza proveniva proprio dalla discarica.
Intanto in un’area adiacente è stato avviato un misterioso sbancamento di terreno. E una nota dell’agenzia APCOM ^ ha segnalato da parte di Berlusconi “qualche preoccupazione per l’atteggiamento di alcune Procure che vietano l’utilizzo di alcune discariche”. Una visione tipicamete “bertolasiana”, che ben si congiunge con risapute convinzioni di Berlusconi sugli “eccessi” dei magistrati quando vogliono applicare le leggi in maniera per lui scomoda.
Vuoi vedere che ora a provocare il criminale disastro dei rifiuti sono stati i magistrati che tentano di far rispettare le leggi e di tutelare la salute dei cittadini, secondo quanto stabilito dall’articolo 32 della Costituzione?
La nota APCOM l’ha rilevata anche Casertacè ^. Chissà che ne pensano i nostri amministratori, in Comune e in Provincia, e i rappresentanti dei partiti localmente all’opposizione, ma ora dotati di filo diretto con il governo, che fino a poco fa si erano pronunciati contro il disastro a Lo Uttaro.

Posted in Report | 6 Comments »

CAOTICI PROCLAMI COMUNALI

Posted by ambienti su Maggio 20, 2008

Se c’erano ancora dubbi sullo stato confusionale che affligge l’amministrazione comunale di Caserta per la questione rifiuti – e non solo – un articolo sul Mattino di lunedì 19 maggio ^ li ha eliminati tutti: siamo in pieno caos e inutilmente l’assessore all’Ambiente Luigi Del Rosso tenta di distrarci con altre frottole. La quantità dei rifiuti al capannone ex Ucar sarebbe stata dimezzata, secondo del Rosso, e questo dovrebbe permetterci di guardare con minore inquietudine ai prossimi giorni. Ma continuano a fioccare i condizionali e a un paio di nostre verifiche in giornata, intorno alle 10.15 e intorno alle 20, il capannone ex Ucar risultava bello pieno. O non è stato mai svuotato, o si è riempito di nuovo ma i rifiuti sono rimasti in strada. A parte il fatto che trasferire i rifiuti dagli scarrabili a un gigantesco e puzzolente cassone appena un po’ più in là – com’è l’ex Ucar – continua a non sembrare una gran trovata alle migliaia di cittadini che abitano lì a portata di naso, di insetti e di topi, tra Villaggio Saint Gobain, quartiere Acquaviva e confinante zona di San Nicola La Strada.
L’assessore Del Rosso ci ha informati anche di complicazioni sul fronte SACE e sul fronte appalto per la differenziata, come se queste supplementari avversità derivassero da un fato perfido e non dalle inerzie e dalle scelte scriteriate della sua giunta. Poi l’assessore si è lamentato perché la Provincia non avrebbe coinvolto il Comune nella task force per i rifiuti. Francamente, il mancato coinvolgimento dell’inaffidabile amministrazione comunale per ora sembra l’unico segnale positivo in arrivo dalla task force provinciale. Non si capisce proprio quale contributo di strategia o di competenze potrebbe apportare la partecipazione di un Comune la cui maggiore abilità consiste nell’imboccare vicoli ciechi.
Su Lo Uttaro Del Rosso non si è pronunciato. Come se tutto quel che sta accadendo intorno al sito maledetto potesse non riguardare gli amministratori della città. E come se i casertani potessero continuare ad essere trattati come cittadini a perdere ^.

Posted in Report | 1 Comment »