AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL DECRETO SUI RIFIUTI

Posted by ambienti su maggio 24, 2008

CLICCA PER ALTRE FOTOArt. 13
Informazione e partecipazione dei cittadini

1. Il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del
mare, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del
presente decreto definisce, con proprio provvedimento, le iniziative,
anche di carattere culturale e divulgativo, volte ad assicurare
l’informazione e la partecipazione dei cittadini e degli enti
pubblici e privati, senza maggiori oneri.

Annunci

15 Risposte to “IL DECRETO SUI RIFIUTI”

  1. Perla said

    NON CI SONO COMMENTI. BASTA GUARDARE, LEGGERE E …

  2. Linus said

    Dichiarazioni odierne del sindaco di Terzigno Auricchio:
    “Sono un sindaco guerriero. E’ grazie a me e alla mia amministrazione che questo paese è stato ripulito dai rifiuti. Aspetto che mi facciano sapere qualcosa, io sono un berlusconiano. Vedremo che succede”
    Dichiarazioni odierne del sindaco di Marano Perrotta:
    “Andremo avanti nella nostra battaglia legale, dimostreremo che si tratta di scelte scellerate. Farò tutto quanto è di mia competenza, non mi arrenderò facilmente”

    Dichiarazioni odierne dei sindaci di Caserta (Petteruti) e San Nicola la Strada (Pascariello):
    “……..”
    (traduzione: “prego, accomodatevi pure. Potete metterci anche i rifiuti di Napoli che non vuole Chiaiano o Terzigno … Già l’avete fatto e noi eravamo d’accordo …”
    Ricordiamocene, gente!!!! Soprattutto alle prossime tornate elettorali, SE saremo ancora residenti …

  3. ambarabà said

    Ma ci vogliono prendere per il culo? … Si, ci vogliono prendere per il culo e ci vogliono riempire di puzza di veleni e di mazzate. Per questo dobbiamo pagare sempre di più. Io vorrei che uno di questi signori al governo – o quelli che c’erano prima, la stessa cosa, facevano puzza pure loro – venisse a vivere a casa mia. Ci scambiamo la casa finché resta aperto Lo Uttaro, anche per sempre. Forse non me ne fregherebbe più niente, come a loro adesso non gliene frega niente. Farei il ministro pure gratis … diciamo quasi, non ho tanti parenti. Così sicuro risparmiate tutti.

  4. Carla C. said

    Al signor Bertolaso, sottosegretario speciale e capo della protezione civile
    Ci potrebbe indicare i luoghi di evacuazione previsti per la popolazione del quartiere Acquaviva di Caserta dopo la riapertura e l’allargamento di Lo Uttaro? Grazie.

  5. antonio said

    perchè bertolaso vuole riaprire una discarica sequestrata dalla magistratura?
    ancora una volta passeremo una estate al chiuso
    invito a non pagare la tassa dei rifiuti
    antonio san nicola

  6. Linus said

    Altra dichiarazione del sindaco di Serre:
    “Noi abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa con le massime autorità dello Stato lo scorso mese di novembre nel quale si diceva fra l’altro che non si sarebbero fatte più discariche sul nostro territorio. Oggi ritroviamo Serre nel decreto. Uno Stato così è credibile? La gente dovrebbe fidarsi? Io mi chiedo questo, e la mia domanda può essere anche una risposta al perché di queste reazioni”

    De Franciscis. Petteruti. Anche voi avete siglato un protocollo d’intesa che prevedeva:
    1) apertura della cava Mastropietro per soli 10 mesi
    2) bonifica del sito di trasferenza e del panettone

    Bertolaso ci ha già ingannato una volta.

    De Franciscis e Petteruti. Potete fare due cose onorevoli.
    1) o vi ribellate e denunciate come il sindaco di Serre
    2) o vi dimettete per protesta

    Qualsiasi altra azione vorrà dire il vostro disonore di uomini.

  7. Massimiliano R. said

    Vorrei ricordare a coloro che storcono il naso di fronte alle proteste o accettano supinamente la condanna che viene da Bertolaso, quanto abbiamo dovuto storcere e otturarci naso e polmoni dalla primavera scorsa fino a tutto novembre trascorrendo un’estate d’inferno, con quell’odore nauseante che ti si insinuava in casa anche con le finestre chiuse e ti penetrava fino allo stomaco, un odore che ti si attacca addosso e non puoi più dimenticare. Ancora oggi, mentre aspettavamo ormai solo la bonifica della discarica e del sito di Lo Uttaro, dobbiamo combattere con puzze sottili o grandi puzze che molto spesso arrivano da lì a causa del sito di stoccaggio, del sito di trasferenza o della stessa discarica nella quale da qualche tempo si vedono strani (ma oggi forse spiegabilissimi) movimenti. Inoltre una questione non da poco: la cava Mastroianni è molto ma molto più grande di quella Mastropietro(discarica Lo Uttaro), cosa ci possiamo aspettare di respirare per il futuro? Perciò non ci ammorbate anche voi con le vostre c……e cercate di muovere mente e corpo.

  8. Enrico said

    Complimenti a quella specie di quotidiani casertani (G.di C. e C.di C.). Le loro prime pagine oggi strillano di tutto in grande risalto, ma, e non c’è da meravigliarsi, scrivono piccolo piccolo di lato, in fondo, che Petteruti andrà da Bertolaso o che Petteruti ha convocato il Consiglio. Chi deve dire ai casertani che “Lo Uttaro 2 – la vendetta” sta per abbattersi sulle loro vite? Complimenti alla rinomata stampa locale!

  9. Citoyen said

    E’ rassegnato il sindaco di San Nicola La Strada, è sconsolato e dice che subiremo danni senza poter intervenire. Lo apprendiamo oggi dal Mattino. Ma non è stato eletto perché fosse rassegnato, sconsolato e ignavo. Neanche la mossa di difendere il suo territorio e i suoi concittadini? Eccone un altro con un grande senso di sacrificio, ma chi gliel’ha detto che la sua città si vuole sacrificare? Forse i folli che non hanno capito niente o quelli che sono abituati a chinare la testa per ignoranza, paura o sudditanza. Bene, questi individui hanno un degno rappresentante. Ma noi diciamo a questo signore e agli altrettanto inetti sindaci di Caserta e delle altre città della conurbazione che molti e molti cittadini sono ben più civili e quindi consapevoli, terrorizzati, indignati, incazzati per quanto sta per abbattersi sulle loro teste e per la debole, smorta, scandalosa, ripugnante reazione degli amministratori locali a tanto sfacelo.

  10. gaetano said

    Mi viene da pensare che Bertolaso II non inviterà Petteruti in Prefettura per rappresentargli la scelta della cava Mastroianni, gli invierà probabilmente un sms con scritto …. grazie per la disponibilità sempre dimostrata … e Petteruti gli risponderà … dovere .…
    Mi viene da pensare ancora che la munnezza destinata alla discarica di Chiaiano per problemi tecnici legati alla natura del terreno sarà destinata da noi.

  11. Tafazzi said

    CASERTA CITTA’ DEI MORTI VIVENTI: MOLTI PER LORO VOLONTA’, ALTRI LORO MALGRADO
    Petteruti, sindaco, beatamente afferma di non essere stato convocato da Bertolaso (meno male, così la domenica è libera) e rimane tranquillo. Intanto oggi i Sindaci di Chiaiano, Marano e Serre che già hanno sacrosantamente protestato a difesa delle loro città, sono stati convocati da Bertolaso e corrono a Napoli. Loro sono molto arrabbiati ma non credo disperatamente preoccupati (come noi) perché già hanno capito che tanto male non gli può andare: c’è Caserta che salverà tutti, di nuovo. L’ampliamento di Lo Uttaro, Lo Uttaro 2, consentirà di accogliere in un assordante silenzio, con l’inchino di tutte le autorità, anche i rifiuti destinati ai loro territori. Un’altra volta Caserta pattumiera di Napoli e di chiunque altro abbia bisogno di sversare rifiuti, nonostante la Costituzione, le leggi, la magistratura, le commissioni parlamentari, la scienza, la tecnica che si pronunciano tutti per la messa in sicurezza e la bonifica di quella zona trasformata in una “bomba chimica”. Chi ci può tutelare? Lancio un SOS.

  12. Terminator said

    Morti viventi? Ma quando mai sono stati vivi? Tanti casertani borghesucci ignoranti, provincialetti che si sentono troppo nobili per protestare, molto più adatti a completini eleganti, stivali e scarpe a punta. Signorette e signoretti talvolta anche laureati, ma frequentando soprattutto il reparto sunti e compendi delle scarse librerie. Automobilina d’ordinanza guidata peggio che se fosse un asino, che gli importa se i mezzi pubblici non esistono, tanto non sarebbe “in” utilizzarli. Testa bassa e paraocchi, l’olfatto eliminato, sempre perché non “si porta”, camminano per strade piene d’immondizia come fossero su un prato, è il loro habitat. Non sentono Grandi e Piccole Puzze provenienti dalle discariche che li circondano o perché pensano di abitare lontano (un paio di km al massimo) o perché tanto ficcano la testa nella sabbia. Spesso buttano i sacchetti dei rifiuti fuori dai finestrini delle Mercedes Classe A/C o si liberano di quanto ingombra le loro belle casette con grande disinvoltura qua e là per la città di notte, i più eleganti, e di giorno, i meno fini. Non vi incazzate, il 50% della popolazione è questo. Spettegolano agli angoli delle strade, infilano perle di saggezza e giusti principi nelle chiacchiere da salotto, sono tutti pieni di buon senso e timorati di Dio. Chissa quale Dio, perché il loro vescovo Nogaro ha cercato di far loro capire in vari modi che di certa gente Dio non vuol saperne. Dicono poche o nessuna cattiva parola in pubblico (le donne naturalmente). Frequentano con assiduità palestre, centri estetici e lampade abbronzanti, viaggi a Sharm e lune di miele alle Maldive, status symbol per tutte le tasche, aldiquà e aldilà dei passaggi a livello, al centro e in periferia. Non si interessano di politica e guai a parlarne a meno che non gli occorra qualche favore o abbiano qualche parente che s’è infilato tra chi può. L’altro 50% è composto da gente che si trova a vivere qui per caso e si è adeguata o ignora completamente il luogo in cui vive; da persone civili e veramente perbene; da delinquenti. Capitale sociale bassissimo: sudditi più che cittadini i Casertani, e si vede.

  13. gaetano said

    È un onore per i cittadini di Serre avere il sindaco che dichiara ….“Non si discute con una pistola puntata alla tempia. Il protocollo firmato pochi mesi fa deve essere rispettato. Valle Della Masseria deve essere tolta dal decreto e poi parliamo”. Così il sindaco di Serre, Palmiro Cornetta, prima dell’incontro con il sottosegretario Guido Bertolaso. Prima di entrare in prefettura, Cornetta sottolinea che sarà il consiglio comunale straordinario convocato per le 21 di oggi a decidere, sulla base dell’esito dell’incontro, le azioni della comunità. Ma, sottolinea Cornetta, “Serre ha già dato” e “se la vittoria è data dalla guerriglia, la gente considererà anche questo” … (tratto da La Repubblica.it)

  14. MM said

    I casertani hanno quello che si meritano per la loro stupidità ed indifferenza.

  15. Linus said

    Analisi interessante la tua.
    Ma anche in questa desolazione, in questa ignoranza, in questo menefreghismo, in questa “piccolezza” di “borghesucci”, si sono riuscite ad organizzare manifestazioni di 3.000 e più persone.
    Se continuiamo a parlare, a spiegare, con pazienza, con perseveranza, ce la faremo.
    Non molliamo mai!!!!!
    Ricordate che oggi è la Campania. Domani è tutta l’Italia. Quindi non possiamo mai fuggire dai nostri padroni sanguinari e scellerati …
    Grazie a chi tiene questo sito. Grazie a tutti quelli che lottano contro tutto e tutti …
    Non molliamo mai!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: