AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

LE SCOPERTE DI GANAPINI

Posted by ambienti su giugno 1, 2008

Walter GanapiniSono parecchie le domande inquietanti suscitate dalle scoperte e dalle dichiarazioni dell’assessore regionale all’Ambiente Walter Ganapini dopo la sua ispezione di ieri nella provincia di Caserta. Da ricordare che Ganapini per ora è sul campo l’unico tecnico qualificato, ha risolto a Milano un problema dei rifiuti che si avviava a diventare drammatico come quello campano. Ora, se ha visto giusto Ganapini, come mai gli ultimi commissari non si erano accorti che tra impianti e attrezzature esisteva qualche via concreta per rimediare, certo temporaneamente, ma sostanziosamente, al problema dei rifiuti senza provocare altri disastri e nuovi legittimi scontenti e allarmi nella popolazione? È stata bestiale incompetenza? O le ragioni bisogna ancora cercarle in un banditesco intrico di interessi che – come ipotizzano le indagini della magistratura – si è sviluppato al’ombra del Commissariato per i rifiuti? Domande che sono particolarmente preoccupanti in relazione al periodo di Bertolaso I, ora richiamato al comando come uomo della provvidenza dal governo Berlusconi.
Di seguito una sintesi delle dichiarazioni di Ganapini, al prossimo post un intervento sulle “scoperte” di Ganapini, autore Giuseppe Messina del comitato scientifico di Legambiente ^, tra i maggiori animatori del movimento casertano composto da varie associazioni che si battono per soluzioni vere e non avvelenatrici al problema dei rifiuti.

RIFIUTI/ DISCARICA ABBANDONATA PUO’ CONTENERE IMMONDIZIA CAMPANIA

Scoperta una discarica abbandonata, può contenere l’immondizia di tutta la Campania per sei mesi. “Si poteva evitare l’emergenza di febbraio. Sono esterrefatto”. L’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Walter Ganapini, è sconvolto dopo dopo quanto trovato a Parco Saurino, a Santa Maria la Fossa, in provincia di Caserta.
Ai microfoni del Giornale Radio Rai denuncia: “Credo che occorrerà risalire alla catena di coloro che non potevano non essere a conoscenza dell’esistenza di questa struttura pagata dal commissariato nel 2003. Certamente è una discarica che può contenere tutti i rifiuti della Campania per sei mesi senza fare nulla altro”. E secondo lei se fosse stata utilizzata non crede si sarebbero scatenate le solite proteste dei cittadini? “Credo proprio di no perché il paese più vicino è a oltre tre chilometri”.
Che altro ha scoperto in questo suo sopralluogo nella provincia di Caserta? “Di fianco a questa discarica, scoperta casualmente, ero andato perché mi avevano riferito di voci secondo le quali in quel luogo avrei trovato, come ho trovato, otto vagli mobili dei setacci su rimorchio, con i quali possiamo pulire tutta la sostanza organica che è ferma negli impianti cosiddetti cdr della Campania e rimetterli in pieno funzionamento. Si tratta di macchinari tedeschi, dei primi anni del 2000, di un valore di miliardi delle vecchie lire”.

vedi anche
un’intervista video a Ganapini ^
l’articolo sul Mattino Nuovo scandalo, discarica mai utilizzata di Daniela De Crescenzo ^
un intervento di Giuseppe Messina di Legambiente sulle scoperte di Ganapini ^

Advertisements

4 Risposte to “LE SCOPERTE DI GANAPINI”

  1. eccemarco said

    incredibile, come sempre.
    non sapevo che l’assessore in campania fosse ganapini, che dalle interviste che ha rilasciato su diversi blog ho scoperto essere una persona estremamente competente. date responsabilità a persone di questo calibro! marco

  2. Rocco 85 said

    VAI Ganapini! VIA Bertolaso!

  3. ambienti said

    Ganapini è assessore dal 12 febbraio scorso. Bassolino sentendo arrivare il ciclone, per lui e per poveri tutti noi, ha pensato di nominare una persona di indiscussa competenza che per giunta gli toglieva qualche castagna dal fuoco con gli ambientalisti, visto che Ganapini era presidente di Greenpeace Italia (si è dimesso non appena nominato assessore). E’ stata una scelta probabilmente opportunistica da parte di Bassolino e Ganapini ha ricevuto qualche critica per aver accettato. Però ora Ganapini ha dimostrato di sapersi destreggiare con intelligenza e coraggio con l’obiettivo di risolvere davvero il problema evitando di avvelenarci tutti. Con il commissario De Gennaro era riuscito a intendersi. Sarà più complicato l’accordo con Bertolaso e con Berlusconi, entrambi incompetenti in materia, che a quanto si capisce dal decreto mirano a usare la questione rifiuti per perseguire anche loro obiettivi personali che non tengono in considerazione la vita dei cittadini campani, ora e nel futuro.

  4. Pier Luigi said

    Benissimo, adesso sto Ganapini potrà collaborare a risolvere i problemi della monnezza napoletana. Basta chacchiere, fatti ci volgliono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: