AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

A CASERTA AN CONTRO LA DISCARICA

Posted by ambienti su giugno 14, 2008

PER LA MANIFESTAZIONE ALLA CAVA MASTROIANNNI
CONTRO L’APERTURA DI UNA NUOVA DISCARICA

di Pio Del Gaudio – Segreteria AN Caserta

Alla luce di quanto apparso questa mattina sui giornali e tenuto conto degli appelli che i Comitati spontanei e civici stanno in queste ore facendo alla classe politica tutta, ritengo necessario ribadire e , se necessario chiarire, la mia personale posizione e di tutta la segreteria cittadina di Alleanza Nazionale in relazione alla vicenda della discarica dello Uttaro e della apertura eventuale della nuova discarica nella Cava Mastroianni.
Abbiamo in questi mesi ascoltato le proteste dei nostri concittadini, abbiamo letto centinaia di relazioni , abbiamo partecipato, con discrezione, a cortei e manifestazioni, abbiamo richiesto 7 Consigli comunali sull’argomento, offrendo al Sindaco Pettteruti la piena collaborazione, già dal Novembre 2006, per risolvere in modo unitario e senza contrapposizione il problema, che, al di là delle chiacchiere e delle strumentalizzazioni di parte, si sostanzia in una penalizzazione ambientale, economica e sociale di tutta la città di Caserta ed in particolare di alcune aree che negli anni passati avevamo immaginato come polo di sviluppo Economico (Policlnico, Areee Industriali) e Sociale ( Campus Universitari ecc.) per creare un unico percorso con il Polo di sviluppo Turistico (Reggia, San Leucio, Casertavecchia) al fine di rilanciare l’immagine della nostra città.
In tal senso ci siamo adoperati , ed in tal senso i Consiglieri di Alleanza Nazionale hanno, tra gli altri, sottoscritto anche i ricorsi alla Magistratura contro l’apertura di discariche illegali ed illegittime in una zona di grossa crisi ambientale da tantissimi anni.

Nonostante tutti gli sforzi fatti e le azioni politiche sviluppate , le forze di Centro Sinistra non hanno voluto che si dialogasse sulla questione in modo costruttivo , nascondendosi dietro una diffidenza immotivata ed un inspiegabile astio nei confronti delle forze di opposizione consiliare di centro destra.
Inoltre anche nei confronti dei Comitati , apolitici ed apartitici , il dialogo è stato sempre assente mortificando l’impegno di tutti coloro che da anni oramai combattono per non fare aprire le discariche ILLEGALI a Caserta.
Dopo due anni di totale immobilismo e di assoluta mancanza di concertazione per colpa della Provincia e del Comune di Caserta, ecco che arriva Berlusconi e ritorna Bertolaso .
Nulla cambia , per noi.
Le battaglie per la legalità e per l’ambiente non hanno colore politico.
Abbiamo evidenziato ai nostri parlamentari , allora come oggi , le nostre preoccupazioni , non generiche ma motivate e sostanziate da studi , relazioni ecc.
Ma il problema è sempre lo stesso .
La classe politica che doveva decidere ed aveva strumenti per attivarsi concretamente non si è mai mossa.
La Provincia non si è ma attivata , non è stato fatto il Piano Provinciale dei Rifiuti , non sono stati scelti siti alternativi non sono stati convocati due anni addietro , come chiedevamo , i Sindaci dei Comuni più importanti della provincia di Caserta, per chiedere ,allora e non oggi , uno sforzo in termini di responsabilità nell’individuare aree dove legalmente venissero smaltiti i rifiuti.
Il Sindaco di Caserta , in ritardo , molto in ritardo si è reso conto che forse l’atteggiamento di supina sudditanza alla Provincia avrebbe causato solo danni alla sua città.
Oggi questo è il quadro nel quale ci dobbiamo muovere , da un lato il rischio di nuove discariche illegali e dall’altro l’esigenza di smaltire i rifiuti che con l’approssimarsi dell’estate potrebbero causare epidemie gravissime.
Sullo sfondo una città ed una provincia che non vedono l’ora di liberare le proprie strade INDIPENDENTEMENTE DA DOVE VENGANO COLLOCATI I RIFIUTI.
Il governo, ha assunto una posizione chiara: si deve risolvere il problema con la determinazione necessaria in momenti di crisi.
Berlusconi e Bertolaso sono disponibili a cambiare i siti individuati, basta indicarne degli altri.
Ed è questo lo sforzo che richiediamo alla Provincia ed al Comune di Caserta oltre che ai Parlamentari tutti.
A Caserta non vogliamo le discariche non per campanilismo ma perché, come ha già dimostrato la magistratura, probabilmente queste discariche non possono essere realizzate con i dovuti criteri a tutela della salute pubblica.
Questa è la nostra posizione estremamente chiara.
Vogliamo risolvere i problemi , vogliamo contribuire a ripulire le nostre città , ma deve essere garantita l’incolumità in termini sanitari dei nostri concittadini.
Per questi condivisibili motivi domani il Sindaco Pascariello farà ben a manifestare a difesa della sua gente , e, al contrario , il sindaco Pettoruti ed il Presidente della Provincia, con la loro assenza, dimostreranno ancora una volta di non avere capito che quando la gente civilmente protesta si ha il dovere istituzionale di ascoltarla anche nei momenti difficili quando al posto degli applausi ci potrebbero essere i fischi.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: