AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

SCHIZOFRENIA CASERTANA

Posted by ambienti su giugno 21, 2008

Probabilmente al governo non sanno di che parlano quando parlano di Caserta e del suo territorio. Complice una pessima genìa di amministratori locali che ultimamente – vedi il sindaco Nicodemo Petteruti e il presidente della provincia Sandro De Franciscis – è stata un modello di acquiescenza, in considerazione di calcoli politici nella migliore delle ipotesi imperscrutabili. Così abbiamo da poco appreso che Lo Uttaro 1, Lo Uttaro 2, il Foro Boario – sul quale si sta avviando un incredibile scaricabarile – gli stoccaggi a Marcianise e tutti gli altri schifi ufficiali e clandestini non bastano in questo territorio. Un’ordinanza del 6 giugno prevede anche un deposito di ecoballe in una cava di Casagiove ^ , comune contiguo a Caserta.
A chi prende simili decisioni probabilmente sfugge che qui ci troviamo in un territorio densamente popolato in cui i centri abitati di numerosi comuni si susseguono senza soluzioni di continuità. Dove una volta c’erano solo cave – che Bertolaso considera fossi in cui nascondere alla bell’e meglio la propria incompetenza a risolvere il problema dei rifiuti prima di poter incenerire tutto – ora non c’è più campagna ma ci sono quartieri residenziali, uffici, scuole, persino, a Caserta, sta sorgendo un modernissimo policlinico. Per non parlare delle ambizioni monumental-turistiche che dovrebbero rilanciare Caserta come tappa europea e internazionale grazie al rifacimento di piazza Carlo III ^ . Ma dove? A pochissima distanza dalla cava Mastroianni in cui il prode Bertolaso ha progettato di estendere, con Lo Uttaro 2, una delle discariche più fetide e fuori controllo del mondo civile? Così rischieremo di avere quella che viene annunciata come la piazza più bella d’Europa invasa dalla puzza più schifosa d’Europa.
Qui non avremmo bisogno di altri fossi velenosi né di inceneritori ma di uno slancio di capacità progettuale per i servizi. Per esempio attraverso piani per la raccolta differenziata e il riciclo dei rifiuti secondo le più aggiornate pratiche europee e statunitensi. Ma Bertolaso è solo un vecchio burocrate che ora s’illude di cancellare il suo precedente ed evidente fallimento facendo sfoggio di delirante onnipotenza. Figuriamoci se sa dare un’occhiata in giro per il mondo o verso il futuro.
In aggiunta ai gravissimi danni all’ambiente naturale e alle zone agricole, in questo territorio si sta dando libero sfogo a una schizofrenia urbanistica che verrà prima o poi diagnosticata come uno dei più clamorosi casi di follia della civiltà umana. I guai già c’erano, ma gli interventi spocchiosi e falsamente risolutivi ora in programma per i rifiuti minacciano di peggiorare di molto la situazione, probabilmente in modo irrimediabile.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: