AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

I RIFIUTI PER BOCCA DI ROSA

Posted by ambienti su giugno 24, 2008

Sarà l’effetto frullato dell’informazione frettolosa, ma a leggere le notizie d’agenzia giunte in rete lunedì 24 giugno sembra che il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino le abbia sparate grosse. Secondo l’ADN Kronos ha detto: ”Se i cittadini non si fidano del sindaco e del centrosinistra si fidino dell’opposizione locale o almeno del Governo nazionale”. Come se molti cittadini non avessero capito che, in particolare per la questione rifiuti, vale il megainciucio che attraverso i mutamenti di governo continua a mantenere saldamente in sella Bertolaso e Bassolino. Perché mai bisognerebe fidarsi delle promesse di Bertolaso a proposito di impianti “a basso impatto ambientale” se è durante il suo primo regno che è stata realizzata la discarica a Lo Uttaro rivelatasi “una bomba chimica” ^ e definita da una Relazione della Commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti “tristemente emblematica di inefficienza collusiva” ^.
Tornando alla Iervolino, non si capisce più, tra l’altro, quale legittimazione abbia un sindaco che per contrastare la sfiducia dei cittadini invita ad avere fiducia nell’opposizione. Ma la Iervolino ha combinato anche di peggio parlando dell’inceneritore nopoletano che ora dovrebbe sorgere ad Agnano. Secondo l’agenzia Asca ha chiarito: ”Non vogliamo un bestione che accolga l’immondizia di tutta la regione, ma qualcosa che serva a Napoli”. Come a dire: i bestioni per incenerire le ecoballe prodotte con i rifiuti napoletani se lo tengano altrove. 

Annunci

3 Risposte to “I RIFIUTI PER BOCCA DI ROSA”

  1. Cafone said

    Dichiarazione di Sindaco dunque. La “voce dal sen fuggita” alla signora Rosa conferma ufficialmente quello che fa disperare i campani che vengono investiti dalle frane di rifiuti da ficcare nei fossi, da “ammontonare” nei prati o da incenerire nei maxiforni: i napoletani della loro munnezza ammucchiata fino ad ora non ne vogliono sapere niente, è roba per i cafoni. Neanche un'”ecoballa” allora signora Iervolino nell’inceneritore-parco di Agnano?

  2. Perla said

    Mi piacerebbe ora sentire i commenti dei “soloni” di Napoli alta, che si sono riempiti la bocca con “sindromi nimby” o necessità di “sacrifici”, a favore di Napoli naturalmente. L’inceneritore si avvicina ai loro giardini e ai loro salotti. Siamo in attesa di nobilissime dichiarazioni – tanto la sindaca garantisce solo rifiuti DOC.

  3. Enrico said

    Ce n’era anche un’altra di bella frase di Iervolino ieri su Repubblica. Giornalista: “Quando si realizzerà il termovalorizzatore?” Iervolino: “Il prima possibile spero, prima si fa il termovalorizzatore a Napoli e prima CI LIBEREREMO DALLA SCHIAVITU’ DEGLI IMPIANTI DELLE ALTRE PROVINCE”. Povera! La schiavitù è stata sua e della sua città, non dei disgraziati “provinciali” che si sono dovuti sorbire e patire i loro rifiuti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: