AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL PACCO DELL’INCENERITORE

Posted by ambienti su giugno 30, 2008

Mentre già attendevamo ansiosi la nuova visita del grande piazzista, da Napoli stamattina si è diffusa la notizia del “pacco” che avrebbero pensato di rifilarci da Brescia. A conferma della salubrità degli inceneritori intorno ai quali c’è chi pensa di costruire parchi giochi per i bimbi ^ .
La notizia della Brescia connection la diamo in versione ufficiale ANSA, sennò poi qualcuno dice che arriva dalla rete degli ambientalisti sovversivi, fantomatica formazione contro la quale si sta mobilitando l’esercito – sempre a spese nostre – ma della quale finora in Campania non siamo riusciti a trovare traccia. E in verità banditi e sovversivi ci sembrano gli scarafaggi con la cravatta ^ che hanno certe pensate.

CNR: INCENERITORE BRESCIA INQUINA? LO SI CEDE A NAPOLI
L’inceneritore più grande del mondo da Brescia a Napoli: secondo Ennio Italico Noviello, primo ricercatore del Cnr di Roma, la cittadina lombarda avrebbe proposto di vendere l’intero impianto alla Campania. “L’ho saputo proprio stamattina – ha spiegato Noviello in un incontro a Napoli – La proposta era di cederlo per 25 milioni di euro, cioé meno di quanto serve per completare quello di Acerra”. Una proposta, secondo Noviello, giustificata dal fatto che “quell’impianto sta inquinando l’intera Lombardia. A Brescia non c’é un solo allevamento di bovini che sia senza diossina”.
A chi dice che l’inceneritore di Brescia sia il migliore al mondo, Noviello risponde così: “Quell’impianto ha vinto un premio, certo. Ma nel comitato scientifico di chi gli ha dato il premio c’é una delle aziende che ha fatto l’impianto. Brescia è il punto più inquinato del mondo, basta guardare il satellite”. L’inceneritore di Brescia è capace di bruciare 750mila tonnellate all’anno ma, conclude Noviello, “i disastri ambientali lì sono stati documentati, dimostrati e accertati sotto tutti i punti di vista. Perfino la Commissione Europea è intervenuta. E’ incredibile che qualcuno proponga quell’inceneritore come modello”.
NO TERMOVALORIZZATORE, MEGLIO DISSOCIAZIONE
Un no deciso alla costruzione di termovalorizzatori per lo smaltimento dei rifiuti: a prendere posizione non sono i cittadini della Campania né i vari comitati di protesta ma l’area di ricerca del Cnr. “La soluzione individuata per mettere a regime la gestione dei rifiuti è una non-soluzione”, ha spiegato oggi, ad un incontro al Cnr di Napoli, Ennio Italico Noviello, primo ricercatore dell’area ricerca del Cnr di Roma. “L’incenerimento trasforma i rifiuti da solidi in aeroformi, ma restano tossici e nocivi – ha detto Noviello – E, infatti, in Giappone, uno dei primi paesi a utilizzare questa tecnologia, stanno rapidamente facendo marcia indietro, mentre in paesi come la Francia si sono costruiti un centinaio di piccoli impianti per evitare di sovraccaricare una sola zona”. Dalle critiche il Cnr passa anche alle proposte. Secondo Noviello l’incenerimento dei rifiuti potrebbe essere sostituito con la “dissociazione molecolare, in grado arrivare quasi ad emissioni zero. O come la tecnologia al plasma, capace di rendere i rifiuti materiale totalmente inerte”. “Purtroppo però – conclude – tutto questo non incontra il favore delle istituzioni”. (ANSA)

Advertisements

6 Risposte to “IL PACCO DELL’INCENERITORE”

  1. Furio said

    Ma che si deve dire di più! A questo punto è tutto talmente chiaro che anche il pubblico-da- seconda-media-non-dei-primi-banchi deve aver capito il Grande Imbroglio organizzato per gli affari loro contro tutti gli italiani – se sono campani però è ancora meglio.

  2. Antonio said

    Sentite, non c’entra con quello che sta scritto qui, ma io devo dirlo a qualcuno, perché se possibile vorrei sapere di che si tratta. Ieri notte, tra domenica e lunedì, verso le 3 sono stato svegliato da un rumore fortissimo, come un rombo che è continuato almeno fino a che non mi sono riaddormentato intorno alle 4. Dalla finestra aperta per il caldo però , oltre al rumore entrava anche una forte puzza, come quella dell’anno scorso, per capirci. Io abito a San Nicola, nelle nuove case vicino alla Saint Gobain.

  3. Giuseppe said

    Io segnalo che stamattina 1 luglio alle 5 sono stato svegliato dalla forte puzza che entrava dalle finestre che stanotte, incautamente purttroppo, ho lasciato aperte. Staranno facendo dei movimenti in area Lo Uttaro o Ucar. Penso che se ci fosse lo Uttaro 2 saremmo al disastro finale. Abito al quartiere Acquaviva.

  4. antony said

    I casertani meritano questo, per loro tutto va bene, se ne accorgereranno quando non cè piu nulla da poter fare (rischiamo di morire tutti di tumore). Il mio rammarico è che con tutto quello che si sta verificando a livello centrale (vedi i primi decreti governo Berlusconi) e tutto quello che non si fa a livello periferico (Comune Provincia e Regione) siamo quasi tutti felici e contenti!!!

  5. Michele said

    Le principali bugie sui termovalorizzatori nascono da luoghi comuni facilmente contestabili.
    **Bugia**: Dalla combustione dei rifiuti, con i termovalorizzatori, si recupera energia sotto forma di energia elettrica e teleriscaldamento a basso costo che altrimenti andrebbe persa.
    Smentita: I costi di produzione di energia con questa tecnica sono mascherati dai forti stanziamenti pubblici. In ultima analisi sono i cittadini a pagare l’impianto e le ditte gestrici ad beneficiare dei guadagni. Per far tacere le opposizioni locali si regala acqua calda ed energia elettrica a tariffe agevolate: tanto i costi di impianto sono stati pagati da altri cittadini.
    **Bugia**: E’ necessario che ogni cittadino si faccia carico del problema dei rifiuti anche accettando i termovalorizzatori, senza delegare ad altri il problema alimentando altre discariche.
    Smentita: Con i termovalorizzatori la maggior parte dei rifiuti continua ad essere posta invece che in una discarica di solidi in una enorme discarica a cielo aperto: i rifiuti vengono immessi in atmosfera sotto forma di gas. Le ceneri della combustione continuano ad essere poste in discarica dopo essere state inertizzate. Il cittadino non si fa carico del problema ma lo delega ad altri perchè in discarica o in un inceneritore lo mette sempre a casa di altri. A questa sindrome? stato dato il nome Not in my courtyard, cioè si ma non nel mio cortile.
    **Bugia molto grave**: i termovalorizzatori, a differenza delle discariche, non nuocciono alla salute. Solo in passato gli inceneritori per il loro basso contenuto tecnologico potevano rappresentare un potenziale pericolo, ma adesso, con i termovalorizzatori di ultima generazione i potenziali pericoli sono minimizzati se non eliminati del tutto.
    Smentita: E’ la principale menzogna che viene detta da cinquanta anni a questa parte quando si vuole costruire un inceneritore proponendolo come una novità tecnologica. Nessun dottore, nessuna pubblicazione biomedica solleva il cittadino dalle apprensioni che derivano dall’avere nelle vicinanze, o una discarica o un inceneritore. Quest’ultimo nelle complesse e spesso sconosciute reazioni chimiche di combustione trasforma materiali leggermente tossici in altamente tossici, come la Diossina. I materiali solidi prodotti necessitano di un costante sorveglianza in quanto tossici e nocivi, quelli gassosi vengono dispersi nel vento. Una raccolta di dozzine di pubblicazioni, i cui titoli sono stati inviati da noi ai Ministri dell’Ambiente e della Sanità, smentisce la più grossa e pericolosa
    **Bugia**: quella che i termovalorizzatori sicuramente non fanno male. Problemi di respirazione, asma e cancro non sono certo resi minimi con la presenza di termovalorizzatori. Questa bibliografia è a disposizione di tutti, sanitari, cittadini e politici.
    Smentita: Se è economico in fatto di tassa rifiuti (il prezzo al chilogrammo scende) è perchè gli impianti sono finanziati pubblicamente, il costo sostenuto dalla collettività è ancora più alto di quello attuale. Il procedimento di inertizzazione di cui al punto sopra prevede altissimi costi accessori.
    **Bugia**: Siamo in una emergenza: se non si costruiscono termovalorizzatori le discariche si esauriranno nel giro di poco tempo anzi alcune sono già esaurite.
    Smentita: Se emergenza c’è è stata creata dagli stessi che adesso vogliono i termovalorizzatori, che hanno visto e continuano a vedere nei rifiuti occasione di guadagno o di carriera, quindi più rifiuti da smaltire più guadagno. Siamo ancora in tempo a diminuire drasticamente la produzione alla fonte di beni deperibili che diventeranno rifiuti. Alleggeriremo il carico dei rifiuti da smaltire ( e con questi il guadagno e la carriera di certa gente ).
    Bugia: L’unica alternativa all’incenerimento è la raccolta differenziata, se raggiungiamo almeno il 50 % di raccolta differenziata allora possiamo costruire i termovalorizzatori perchè saranno molto piccoli e gestibili.
    Smentita: La raccolta differenziata non diminuisce la mole dei termovalorizzatori ma serve a isolare potenziali veleni ed a porre in atto il successivo riciclaggio, le discariche sono sature di prodotti nocivi miscelati a materiali che non sono velenosi e che potrebbero essere riutilizzati in armonia con l’ambiente. Chi mette il limite del 50% di raccolta differenziata prima di costruire i termovalorizzatori omette di dire che se il volume di rifiuti aumenta a questo ritmo anche il 50% di raccolta differenziata metterebbe in condizioni di costruire enormi termovalorizzatori ingestibili. L’alternativa principale all’incenerimento ed alle discariche è il drastico aumento della produzione alla fonte di beni durevoli.
    Bugia: Non è possibile produrre solamente beni durevoli, qualcosa continuerà ad essere gettato via e a costituire un rifiuto che non sempre è riciclabile, con l’incenerimento di questa parte si ovvia alla maggior parte dei problemi, compreso quello del recupero energetico.
    Smentita: L’attività umana produce una miscela di beni durevoli ed altri no, soltanto che oggi una certa industria per vivere senza problemi vuole che l’ago della bilancia sia spostato sui beni altamente deperibili. Il patto fra l’industria che produce rifiuti e quella che li smaltisce è rafforzato dal fatto che l’una ha bisogno dell’altra per poter sopravvivere. Lo ricerca può dare un nuovo impulso alle industrie che possono essere riconvertite in produttrici dei beni durevoli ad alto contenuto tecnologico, recuperando l’energia sprecata nella produzione di futuri rifiuti.
    Bugia: Il piano di smaltimento di rifiuti con l’anello dell’incenerimento è al momento il più moderno e certo, altre strade come quella della ricerca di metodi di produzione di beni non deperibili se saranno praticabili lo saranno in un futuro remoto ed incerto.
    Smentita: Il piano rifiuti ben proposto dalla Comunità Economica Europea e basato su ragionevoli studi di fattibilità prevede come punto basilare al quale ogni altra cosa deve essere subordinata il fatto di produrre beni durevoli. Dopo aver attuato quanto sopra vengono la raccolta differenziata, ed il riciclaggio. Soltanto dopo aver attuato questo interviene il recupero energetico e lo smaltimento residuo in discarica.
    Bugia: Molto si sta facendo per il problema dei rifiuti, anche in termini di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, anche al fine di minimizzare la quantità’ dei rifiuti e le dimensioni degli impianti di incenerimento.
    Smentita: Il danaro pubblico viene stanziato per piani in cui la spesa più grossa è quella destinata all’incenerimento, una minore alle complesse tecniche di riciclaggio, ed una assolutamente nulla riguarda il punto nelle tecniche di informazione (etichettatura dei prodotti) e di produzione di beni durevoli considerate primarie dalla CEE. Le cifre della Bugia: su oltre 800 miliardi di lire stanziati in una Regione ( Es. Piemonte) 500-700 miliardi sono destinati a i termovalorizzatori e solo per questo danaro viene chiesta con insistenza la disponibilit? necessaria alla costruzione immediata adducendo il pretesto dell’emergenza. Solo il resto, considerato invece obbiettivo primario della CEE, è destinato alle tecniche di riduzione dei rifiuti da smaltire. Nulla è destinato alla ricerca medica in questo settore. Nulla è destinato ai piani di monitoraggio della salute dei cittadini posti nelle vicinanze de i termovalorizzatori. Nulla è destinato all’istituzione di un fondo per le spese mediche eventualmente sostenute dai cittadini.
    Bugia: i termovalorizzatori di ultima generazione sono talmente sofisticati da non emettere sostanze tossiche infatti il monitoraggio all’uscita del camino con le apparecchiature più sofisticate disponibili non rivela tali sostanze.
    Smentita: Gli apparecchi di misurazione non sono abbastanza sofisticati e sensibili da rivelare la presenza di sostanze tossiche all’uscita dei camini poichè sono diluite in enormi quantità di gas, se invece mettete apparecchi altrettanto sofisticati a controllare l’accumulo di sostanze tossiche nelle vicinanze de i termovalorizzatori ne potrete misurare la presenza. Ciò è risaputo da chi dovrebbe tutelare la salute della popolazione e che sino ad oggi sistematicamente si oppone alla misura delle sostanze accumulate nei pressi ( 7 km ) da i termovalorizzatori operanti, forse per evitare di conoscere.
    Bugia: I comitati ambientalisti terrorizzano i cittadini sulla questione de i termovalorizzatori.
    Smentita: I comitati ecologisti reputano di dover supplire a quanto non viene fatto dalle istituzioni per contrastare le informazioni inesatte e ambigue se non mendaci che riguardano i termovalorizzatori e su cui poggia l’incastellatura politica ed economica che sostiene la loro costruzione.
    Bugia: La realtà è che studiosi autorevoli sono di opinione ben diversa dagli ambientalisti e mettono a disposizione le proprie conoscenze scientifiche che sono alla base della loro opinione spesso senza trarne alcun vantaggio, amministratori responsabili sono all’opera per risolvere i problemi dell’ambiente, che solo fra le altre cose prevede l’installazione di impianti di incenerimento, in siti tali da non danneggiare nè l’ambiente nè i cittadini. Tutto ciò è effettuato in rispetto delle norme europee, italiane e regionali in modo completamente trasparente per i cittadini, i quali possono contare su criteri di correttezza e trasparenza in tutte le procedure.
    Smentita: Attualmente gli studiosi favorevoli all’incenerimento traggono il vantaggio di occupare le posizioni di prestigio nei consigli di amministrazione degli enti ed istituzioni che si occupano e controllano l’ ambiente, per contro chi è contrario senza ambiguità non e’ presente in modo significativo in queste posizioni. I siti su cui costruire i termovalorizzatori sono i più dannosi per la saluti infatti l’iter burocratico legato alle leggi attuali italiani identifica i siti in aree senza interesse agro silvo pastorale, dove siano già presenti servizi ( acqua luce gas etc. ) e viabilità, in zone industriali dismesse, Ciò corrisponde nella maggior parte dei casi nelle periferie delle città o nelle grandi cinture cittadine, in aree fortemente abitate. I criteri di correttezza e trasparenza sono solo legati agli atti pubblici, invece gli studi di fattibilità, finanziati dalle società di raccolta rifiuti, e gli accordi politici, per la loro natura, eludono questi criteri e rappresentano la maggior parte del lavoro svolto dai soggetti interessati.
    Bugia: Comunque in ogni momento la popolazione è invitata a controllare i progetti e potrà verificare l’efficienza e la non pericolosità degli impianti.
    Smentita: Il controllo dei progetti è effettuato da istituzioni pubbliche che non sono tenute in alcun caso a sottoporlo ai rappresentanti dei comitati ambientalisti. Potrebbero essere ammessi in un futuro sono determinati rappresentanti istituzionali (es. sindaci) o quelli che accettano di collaborare comunque. Tale tecnica di persuasione è oggetto di approfonditi studi di psicologia e scienze politiche ed è adottata comunemente al solo fine del raggiungimento della costruzione degli impianti. Anche ammesso che gli impianti fossero ritenuti pericolosi dai cittadini durante il funzionamento non esiste nessun strumento giuridico in grado di fermare un impianto neanche per pochi giorni: una volta innescato un inceneritore si è vincolati a non spegnerlo più, in quanto l’immondizia non può essere accumulata altrove, e la produzione di energia elettrica e di acqua calda per il teleriscaldamento diventano esigenze primarie rispetto alla salute.
    Bugia: In Italia, a differenza dei paesi più progrediti del nostro, e per la presenza delle infiltrazioni mafiose che controllano il business delle discariche, non sono stati costruiti i termovalorizzatori, che pur essendo meno pericolosi delle discariche, e quindi un male minore e necessario, intaccherebbero gli interessi delle eco-mafie. Anche per questo gli organismi pubblici lottano per la costruzione de i termovalorizzatori che rimarrebbero sotto il controllo pubblico. I movimenti ambientalisti corrono il rischio, con il loro atteggiamento di contrasto, di favorire questi business illegali.
    Smentita: Di tutte, questa affermazione, sebbene la più debole, richiede la risposta più articolata, per non rispondere direttamente che quando si opta per il male minore od il male necessario si assomiglia a chi ha sostenuto che la costruzione delle mine antiuomo, in quanto necessarie per combattere i “cattivi”, rappresentasse il male minore: a distanza di anni ci si trova a dover interagire con territori fortemente contaminati, e la decontaminazione di tali siti, come quelli de i termovalorizzatori rappresenta ancora un problema aperto.

  6. franco said

    Che raccolta differenziata ed incenerimento siano in relazione tra loro, o meglio in alternativa, è un dato di fatto. Basta leggere tra le riga di un articolo de Il mattino del 5 luglio sul viaggio, o meglio sulla gita dell’allegra comitiva di Iervolino e compagnia a Brescia. Infatti, nell’articolo un responsabile del consiglio di sorveglianza dell’impianto bresciano, un certo Renzo Capra, specificava chiaramente che la raccolta differenziata “è per certi versi concorrenziale rispetto alla quantità di rifiuti che ci serve per produrre energia”. “Quindi niente ecoballe e differenziata, non centrale nelle strategie di Brescia”: così concludeva quel pezzo dell’articolo molto illuminante sia sulle reali intenzioni del governo (costruiamo quanto più inceneritori è possibile, della differenziata chissenefrega) sia sulle reali cause che bloccano la differenziata in alcuni centri campani, Caserta in testa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: