AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

MATEMATICA CASERTANA

Posted by ambienti su febbraio 23, 2009

2 consigli comunali straordinari sui rifiuti, almeno 2 riunioni in Prefettura, 10 camion di pronto soccorso promessi da Bertolaso, 600 euro ciascuno ai dipendenti rimasti senza stipendio della ditta Ecologia Saba incaricata della raccolta rifiuti e colpita da interdittiva antimafia, gli addetti di 2 ditte, la Saba e la Igica – incaricata da Bertolaso – che venerdì notte si fronteggiavano in città per stabilire “a chi tocca” fare la raccolta. E la scoperta che il Comune non ha versato alla Saba non solo l’ultima rata di corrispettivo del servizio – per cautelarsi, vista l’interdittiva – ma neanche – chissà perché – qualcuna precedente. Ci sarebbero in gioco anche i numeri da dissesto del bilancio comunale. 
La cronaca di questo nuovo patatrac dei rifiuti a Caserta la potete leggere sui quotidiani di carta e on line, che per fortuna lo stanno seguendo con attenzione (qualcosa ve l’abbiamo segnalata qui nel blog). Ma, per carità, solo in ambito locale. Che fuori non se ne accorga nessuno di quello che succede a Caserta. Sarà sufficiente qualche notiziola ben addomesticata. Com’è stato per la discarica Lo Uttaro, com’è per cave e cementifici, come sarà per chissà quante altre cose.
Spesso qui è difficile raccapezzarsi tra tutti i numeri che ci vengono forniti. C’è persino il 48, che in questo caso non è il morto che parla ma il numero di ore in cui Bertolaso ha promesso di ripulire la città. Vedremo.
Purtroppo nella folle matematica casertana spesso tutti i numeri dati dalle “autorità” producono come totale la stessa somma. Di cui vi forniamo qui un’immagine aggiornata a domenica 22 febbraio sera. Un angolo di Caserta come tanti altri.

cimg0017b

Annunci

2 Risposte to “MATEMATICA CASERTANA”

  1. Makek said

    Sindaco quello che è (ci vorrebbero troppe parole per definirlo) + consiglio comunale ridicolo e tragico contemporaneamente + cittadini fregati ma anche diversi incivili + imbroglioni di tutte le fatte e a tutti i livelli (imprenditoriali e istituzionali) +… = quello che vediamo nella foto!

  2. ambarabà said

    Non ci sono solo le addizioni. C’è la “sottrazione” dalle nostre tasche della tariffa TARSU, tra le più alte d’Italia. E per giunta aumenterà assai, perché un decreto del governo condanna i campani a pagare “integralmente” qualunque costo del servizio di smalttimento rifiuti. Cioè anche i soldi che vengono sottratti con truffe e sprechi, anche i soldi con cui qualcuno moltiplicherà i guadagni per avvelenarci con gli inceneritori.
    Se il Comune dovrà pagare due volte per il servizio di questi giorni, con le nostre case assediate dalla monnezza, indovinate da chi vorranno i soldi alla fine.
    In questo periodo sono arrivate molte bollette Tarsu. In pratica ci hanno presentato pure il conto per la Grande Puzza dello Uttaro, per l’ex Ucar, per tutto lo schifo che abbiamo avuto nell’ultimo paio d’anni. E ci sono ancora amministratori, a partire dal sindaco, che si vantano di aver fatto questo e di aver fatto quello …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: