AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 25 febbraio 2009

CI MANCAVA IL NUCLEARE

Posted by ambienti su febbraio 25, 2009

Dove le metteranno le centrali nucleari programmate dal governo Berlusconi? Il territorio casertano sembra già candidato. Non solo perché qui già abbiamo una concentrazione elevatissima di danni e rischi da inquinamento, grazie alla gestione di rifiuti “legali” e illegali. Ma anche perché l’obsoleta tecnologia francese per le centrali che Berlusconi si è fatto rifilare da Sarkozy richiede molta acqua e il Garigliano è il più grande corso d’acqua italiano a sud del Tevere. Servirà a qualcosa ricordare che la vecchia centrale atomica del Garigliano aveva probemi gravi già dal momento della realizzazione, che per questo infine fu chiusa e che sarebbe previsto il definitivo smantellamento entro il 2019? Temiamo di no. Quando si fanno partire i treni  della follia contro l’ambiente, facilmente si concedono “deroghe” a ogni segnaletica delle leggi esistenti, della scienza e del buon senso.
C’è da osservare che i rischi provenienti da una centrale nucleare vanno ben al di là di un ambito provinciale e regionale. In caso di catastrofe tipo Cernobyl  l’Italia intera andrebbe ko. Ma certo chi è più vicino si becca anche gli effetti più concentrati dei piccoli e misteriosi incidenti che la burocrazia politica non ammette ma che per i territori interessati hanno effetti micidiali. Con formidabili effetti turistici: per i villeggianti della Baia Domizia, dove sfocia il Garigliano, si prospetta per i prossimi anni la possibiltà di un’abbronzatura davvero atomica.

leggi qui Quattro nuove centrali nucleari in Italia rientra in gioco anche l’area del Garigliano
sul Corriere del Mezzogiorno ^

leggi qui quali sono gli allarmanti precedenti per
La centrale del Garigliano ^

Posted in Report | 1 Comment »

MARCIANISE, I RIFIUTI ASPETTANO IL TRENO

Posted by ambienti su febbraio 25, 2009

I container della spazzatura

MARCIANISE — Ci sono siti di stoccaggio che sfuggono alla rigida sorveglianza dei presìdi dei militari. Come all’assedio delle proteste popolari. Ma che «provvisoriamente» accolgono containers zeppi di spazzatura in attesa di espatriare.
È qui che l’immondizia si accumula come se fosse merce ordinaria da spedire. E che, invece, talvolta resta a terra: forse per ore, forse addirittura per giorni. In alcuni casi rotolando al di fuori dei grossi contenitori. Il sottosegretario all’emergenza rifiuti, Guido Bertolaso, continua a rassicurare. Anzi, quasi spavaldo ha suggerito spesso che la discarica di Chiaiano non rappresenta una necessità impellente (dato che di invasi in attività, nella nostra regione, ve ne sono a sufficienza e la loro capacità garantisce di poter smaltire immondizia almeno fino al 2012) ma un traguardo di principio: far piegare la testa alla città di Napoli che finora ha approfittato delle discariche dell’incontaminato entroterra campano per risolvere le proprie difficoltà nella gestione dello smaltimento dei rifiuti.

leggi tutto l’articolo di Angelo Agrippa sul Corriere del Mezzogiorno ^

Posted in Report | Leave a Comment »

DI CHI SONO LE ECOBALLE

Posted by ambienti su febbraio 25, 2009

I magistrati negano il dissequestro delle balle rimaste in alcuni siti

Rifiuti, scontro Bertolaso-Procura

Per il pool del procuratore De Chiara quel materiale non va gestito come discarica ma deve essere rimosso. E i costi dell’operazione deve sostenerli la Fibe, non lo Stato (cioè noi cittadini).

leggi l’articolo di Conchita Sannino per La Repubblica – Napoli ^

Posted in Report | Leave a Comment »