AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 1 Maggio 2009

LO STATO DELLA MONNEZZA

Posted by ambienti su Maggio 1, 2009

Ad Anno Zero di giovedì 30 aprile ^ Santoro & Ruotolo hanno confermato che l’inceneritore di Acerra non funziona. È stato inaugurato con un grande show, ma è per ora è solo i fase di collaudo, con problemi tecnici presumibilmente superiori ai previsti, senza la promessa produzione di energia elettrica, per giunta ancora in mano alla Fibe-Impregilo sotto processo per truffa al tribunale di Napoli, accusata di essere principale responsabile del disastro dei rifiuti in Campania.
Il sottosegretariato di Bertolaso sostiene in una nota – sempre di giovedì – che “il termovalorizzatore funziona”, benché “in rodaggio”. Che vuol dire “funziona”? In realtà l’impianto di Acerra non sta ancora facendo quel che hanno cercato di farci credere che stesse facendo: imprimere una svolta decisiva al problema dei rifiuti in Campania. Il funzionamento a regime sarà forse a fine anno. Forse. E i già temibili problemi di inquinamento – ricordati anche in un recente e documentato articolo di Patrizia Gentilini che linkiamo qui ^ – potrebbero moltiplicarsi, visto quest’avvio tortuoso e bugiardo.
Intanto i cosiddetti impianti per CDR continuano a produrre “tritovagliato”, una sorta di frullato di rifiuti – selezionati quando ci si riesce – e le distese di immonde ecoballe stanno tutte lì al loro posto. Insomma, fanfare a parte, siamo quasi al punto di partenza. Come tra l’altro dimostrano le immagini di cumuli di rifiuti, ora più e ora meno clandestini e tossici, intorno ad Acerra. Se ne possono osservare anche a Caserta – come ha denunciato Terra Nostra ^ – e in altri luoghi della Campania. Mentre sul fronte della differenziata e del riciclo – che potevano essere le vere soluzione senza danni per l’ambiente e la salute – gli esiti sono tormentati: controversi per i servizi e le percentuali di raccolta, del tutto negativi per la messa a punto di impianti per il trattamento dell’umido. Anche qui le notizie bugiarde inclinano alla triste farsa.
Si è imbellettata per l’ennesima volta la cartolina della Napoli turistica, ma i rimedi stutturali ancora non ci sono. Da un giorno all’altro siamo a rischio di un nuovo aggravamento della crisi e di discariche pazze con tanta puzza.

Posted in Report | 3 Comments »