AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 28 maggio 2009

CRISI DIOSSINA NEL CASERTANO 1

Posted by ambienti su maggio 28, 2009

DOPO L’INCENDIO ALLA ECOREC DI MARCIANISE

UN APPELLO DEL SI.A.A.B
Sindacato Agricoltori Allevatori Bufalini e Bovini

IL SECONDO GIORNO DELL’INCENDIO DEI PNEUMATICI AVEVAMO LANCIATO IL GRIDO “VERGOGNA”. ADESSO SI STA OLTREPASSANDO LA MISURA. SIAAB E ALTRAGRICOLTURA CHIEDONO PER CASERTA L’IMMEDIATA COSTITUZIONE DI UNA UNITA’ DI CRISI.

NEW     la lettera inviata dalla ASL agli allevatori ^
una mappa del nuovo disastro ^

Non solo gli incomprensibili ritardi con cui si è provveduto a domare un incendio di pneumatici al centro dell’interporto Marcianise Maddaloni, costringendo per giorni, tutti gli agricoltori dell’area, non solo gli allevatori, a lavorare barrandosi la bocca con i fazzoletti quasi come i banditi del Far West; poi nessun aiuto, nessun incontro di orientamento, nessuna iniziativa, nessun impegno visibile per salvaguardare lavoro e risorse; solo il solito mezzo sbrigativo che può anche assumere l’ultimo impiegato di un qualsiasi ufficio pubblico: “vi diffidiamo a somministrare ai propri animali alimenti provenienti dalle zone che ricadono entro il raggio di 10 km dall’epicentro dell’incendio”
Dopo il massacro dei poveri nigeriani a Castelvolturno vi è stata la solita gara di big nazionali e rappresentanti di grandi istituzioni, tutti con la frase di rito: Lo Stato c’è.
Lo Stato c’è per chi, per le banche, le imprese in fallimento ad opera di eccellenti truffatori? Perché non c’è mai più per l’agricoltura, i coltivatori, le bufale? Anzi quando si è chiesto di andare fino in fondo per indagare sulla effettiva presenza della brucellosi, hanno fatto finta di non sentire trincerandosi dietro il procedimento amministrativo; alla data attuale solo il 12% degli indennizzi è stato erogato per la mattanza bufalina e quando abbiamo lanciato il pericolo usura magari hanno pensato a qualche trovata propagandistica-corporativa fino a quando non hanno dovuto prendere atto del primo caso eclatante di Francolise.
Da questa ultima vicenda sulla diossina emergono numerose domande e quesiti a cui pretendiamo avere una risposta:

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | Leave a Comment »

CRISI DIOSSINA NEL CASERTANO 2

Posted by ambienti su maggio 28, 2009

L’interrogazione parlamentare presentata dal senatore Roberto Della Seta, del PD, membro della Commissione permanente Territorio, ambiente e beni ambientali, già presidente nazionale di Legambiente.

Si chiede ai Ministri del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare e dell’Interno di conoscere:
se non intendano urgentemente assumere il provvedimento amministrativo che autorizza la Ecorec allo stoccaggio di pneumatici usati in modo da stabilire se tale autorizzazione è in linea con la normativa vigente;
se non intendano immediatamente verificare se, e quali, azioni di prevenzione la Ecorec srl ha posto in essere dopo che un analogo incendio ha devastato il territorio e l’ambiente circostante allo stabilimento;
se e quali controlli tecnici, ambientali, territoriali e amministrativi e monitoraggio hanno eseguito gli organi competenti, in questi anni, per assicurare che l’attività della Ecorec, così come autorizzata dalla Provincia, fosse sicura e non costituisse problema per gli operatori , per l’ambiente, la salute pubblica e l’agricoltura;
se non intendano immediatamente verificare se esiste un collegamento fra la Ecorec srl di Marcianise e la Ecorec srl di Adro in provincia di Brescia specializzata in servizi ambientali ad operare nel settore artigianale e industriale e nella lavorazione di particolari tipologie di rifiuti non pericolosi;
se non intendano urgentemente verificare se corrisponda a vero che la Ecorec ha ricevuto risorse pubbliche per una bonifica mai avvenuta e che tipo di controlli siano stati promossi dalle autorità preposte alla bonifica stessa;
se non intendano urgentemente effettuare idoneo monitoraggio sanitario su persone e animali esposti ai livelli tossici di IPA, Diossine ed Elementi Potenzialmente Tossici (PTE) liberatesi dopo l’ultimo incendio, in quanto si presume che ci possano essere effetti negativi sulla catena alimentare,
se non intendano immediatamente effettuare, a tutela della salute dei lavoratori, un controllo clinico ed epidemiologico sul personale dei Vigili del Fuoco intervenuto per lo spegnimento dell’incendio;
se non intendano dotare di mezzi e fondi aggiuntivi in modo da permettere alle forze dell’ordine di perseguiti i responsabili materiali, e i mandanti, di questi incendi che hanno causato, quasi certamente, una grave contaminazione ambientale che potrebbe avere notevoli ripercussioni anche a distanza di tempo sulla salute dei cittadini.

il testo completo dell’interrogazione parlamentare sull’incendio a Marcianise ^

Posted in Report | 1 Comment »