AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

Archive for 10 giugno 2010

RIFIUTI A CASERTA, LE MULTE CORRONO LA BONIFICA FRENA

Posted by ambienti su giugno 10, 2010

  
La delibera comunale per l’aumento delle sanzioni per violazioni nel campo dei rifiuti ^

La delibera comunale per l’avvio della caratterizzazzione a Lo Uttaro ^

A Caserta la letargica amministrazione del sindaco Nicodemo Petteruti, che ormai dedica la maggior parte delle proprie residue energie a interni espedienti di sopravvivenza, privi di ogni utilità per la soluzione dei problemi reali dei cittadini, fa la voce grossa sui rifiuti e con una delibera di ieri stabilisce che passa da 50 a 200 euro la multa minima per le violazioni alle norme di ordinanze e regolamenti in materia di rifiuti. Appaiono in particolare sotto tiro le trasgressioni per la raccolta differenziata.
Con altra delibera – sempre di ieri – l’amministrazione stabilisce l’avvio della caratterizzazione della bonifica in area Lo Uttaro. Sarebbe una cosa buona, finalmente, se tra premesse ed enunciazioni della delibera su Lo Uttaro non si capisse che i ritardi e gli attriti istituzionali per arrivare al disinnesco della “bomba ecologica” sono stati innumerevoli, che in pratica siamo ancora a zero, che ancora l’avvio riguarda solo una parte propedeutica alle necessarie operazioni di messa in sicurezza e di bonifica mediante svuotamento dei siti che contengono rifiuti e veleni. E che per il seguito non si sa bene quando e per quali vie arriveranno i promessi finanziamenti. Per la sua parte il governo se n’è lavate le mani con una nota del Dipartimento Protezione Civile inviata nello scorso aprile. Già cominciano a non tornare i conti con quanto previsto nel Protocollo d’Intesa sottoscritto nel marzo scorso da Regione Campania e Comune di Caserta ^ . Ma di questo discuteremo a parte più dettagliatamente.
Per ora occupiamoci delle multe salate nel campo dei rifiuti. Le più economiche e “conciliative” passano a 200 euro. Il motivo del provvedimento che accresce gli importi starebbe nel fatto che “nonostante le contravvenzioni elevate dal personale addetto al controllo, non si è registrata una riduzione delle violazioni, causa il minimo effetto dissuasivo dell’importo della sanzione amministrativa, oggi minima”. Così è scritto nella delibera. Dunque, secondo l’amministrazione, se qualcuno si comportava da fetente di fronte alla minaccia di dover pagare 50 euro, ora desisterà se il rischio sarà di dover pagare almeno 200 euro.
Si tratta evidentemente di un ragionamento sballato. Come sanno bene molti cittadini – e tra loro gli amministratori di condomìni – che hanno cercato di seguire con scrupolo i regolamenti per la differenziata e hanno dovuto subire sanzioni. Gli aumenti per le multe ora affrontano con metodo da rappresaglia un diffuso disagio della popolazione, probabilmente con la speranza di vantaggi per le casse comunali stremate dalla pessima amministrazione di Petteruti.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Report | 1 Comment »