AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

LETTERA AL SINDACO DI SAN NICOLA LA STRADA 04/02/08

Al Signor Sindaco del Comune di San Nicola la Strada
Agli Assessori comunali
Ai Consiglieri comunali tutti

Signor Sindaco, signori assessori, signori consiglieri,
siamo allarmati dalla situazione di estremo degrado ambientale e di pericolo sanitario in cui versa la nostra città a causa delle migliaia di tonnellate di rifiuti giacenti sulle strade. Sono ormai 50 giorni che non si fa la raccolta dei rifiuti. Milletrecento tonnellate marciscono in strada percolando nel suolo. E venticinque tonnellate si aggiungono ogni giorno. I numeri della tragedia ambientale e sanitaria sono spaventosi. E con l’innalzamento delle temperature la prospettiva di un’epidemia è sempre più concreta.
All’orizzonte non vediamo soluzioni efficaci. Il Commissario Di Gennaro ci offre l’elemosina consentendoci di sversare appena 25 tonnellate al giorno (giusto quello che viene prodotto quotidianamente) nell’assolutamente inidoneo sito di stoccaggio di Santa Maria la Fossa. E fino ad oggi nessuno dei provvedimenti promessi dal Sindaco e dalla giunta si è ancora realizzato, nonostante i continui e ripetuti solleciti da parte del Comitato Emergenza Rifiuti. Non abbiamo ancora imboccato la strada, che da mesi sollecitiamo, della riduzione dei rifiuti da smaltire. Raccolta differenziata e riciclaggio. L’unica alternativa percorribile per tentare di arginare il proliferare della “discarica selvaggia”.
Dopo aver dovuto sopportare per mesi i miasmi e l’inquinamento della discarica illegale e pericolosa di Lo Uttaro, ancora non sottoposta ad operazioni di messa in sicurezza, per la scellerata scelta del Sindaco di Caserta, contro la quale questa Amministrazione non ha prodotto nessuna evidente ed incisiva azione di contrasto, abbiamo dovuto patire anche lo stoccaggio, in violazione delle norme ambientali, dei rifiuti della città di Caserta nel capannone nell’area Ex Ucar Carbon, ancora una volta a ridosso del territorio comunale di San Nicola la strada. E in aggiunta anche la scelta del Commissario De Gennaro di consentire l’utilizzo del sito di trasferenza in zona Lo Uttaro, sotto sequestro giudiziario, per ripulire il capoluogo dai cumuli di rifiuti ivi giacenti. I cittadini di San Nicola devono fare anche l’ulteriore sacrificio di dover convivere con centinaia di pseudo discariche sotto casa.
Ora basta, signor Sindaco. La faccia anche Lei, i signori Assessori e i Consiglieri quella “voce grossa” con il Commissario che altri Amministratori comunali hanno già levato per ottenere la rimozione di quei rifiuti che attentano alla salute dei cittadini, che offendono la coscienza civile e che potrebbero turbare l’ordine pubblico come unica strada per poter evidenziare il loro disagio davanti ai silenzi degli amministratori. Ma faccia anche, con urgenza, tutto quanto è nei Suoi poteri e nelle Sue responsabilità per scongiurare danni irreparabili alla salute pubblica e contenere quelli già consistenti prodottosi in questi giorni a causa delle sostanze nocive sprigionatesi nell’ambiente anche per effetto degli incendi dei cumuli incustoditi. Non è tollerabile che un intera classe politica cittadina se ne stia immobile di fronte alla “morte di una città”.
Il Comitato Emergenza Rifiuti perciò, instancabilmente, ribadisce ancora una volta le sue richieste per una urgente e indifferibile azione concreta a difesa del territorio e della salute di tutti gli abitanti di San Nicola la strada e la invita a chiedere nuovamente e con estrema urgenza:
● al Commissario delegato di autorizzare il Comune di San Nicola ad avviare i rifiuti giacenti in strada allo smaltimento al di fuori della Campania presso gli impianti di quelle regioni che hanno dato la propria disponibilità;
● allo stesso Commissario di finanziare in tempi brevi la realizzazione di un sito di compostaggio a servizio dei comuni della conurbazione casertana da destinare al trattamento della frazione umida derivante dalla separazione dei rifiuti;
● al Presidente della Provincia di elaborare il Piano provinciale R.U., così come da impegno sottoscritto in occasione del protocollo d’intesa dell’11 novembre 2006 e di indicare idonei siti di stoccaggio provinciale e i siti per la realizzazione degli impianti di compostaggio o di far propria la proposta del prof. De Medici circa i comprensori dove individuare un sito dove realizzare una discarica regionale per almeno 36 mesi e trasmettere tale indicazione al commissario di governo;
chiediamo a Lei e a tutta l’Amministrazione comunale con assoluta urgenza:
● di porre in essere tutte le attività amministrative e giudiziarie necessarie ad impedire all’Amministrazione comunale di Caserta di continuare ad utilizzare il sito Ex Ucar, a ridosso dei territorio comunale di San Nicola la strada, come area per lo stoccaggio dei rifiuti, anche in considerazione delle presunte mancanze rispetto delle prescrizioni effettuate dall’ARPAC per l’utilizzazione dello stesso;
● di definire entro quindici giorni da oggi, e contestualmente alla revisione del Capitolato d’Appalto con l’impresa Jacta-Jacorossi per l’estensione del sistema di raccolta porta a porta a tutta la superficie comunale coperta dal servizio, un programma operativo per il raggiungimento degli obiettivi minimi di raccolta differenziata previsti dalla legge;
● di eliminare i cassonetti stradali da tutto il territorio comunale in relazione alla messa a regime del sistema di raccolta porta a porta;
● di emanare un’ordinanza di divieto di abbandono di rifiuti applicando un adeguato sistema sanzionatorio e disponendo in modo specifico i vigili urbani per il controllo;
● di procedere, con apposito stanziamento di fondi, all’acquisto di compostatori domestici per i residenti che dispongono di aree verdi private;
● di rendere pubblici entro un mese da oggi anche attraverso il sito internet del Comune, con cadenza almeno mensile, i dati relativi alle quantità e alle tipologie (comprensive di codici CER) di rifiuti conferiti alle aziende della filiera del riciclo con l’indicazione della denominazione delle suddette aziende, delle singole quantità a ciascuna conferite e della quantità di rifiuti complessivamente raccolta nello stesso periodo nell’ambito del territorio comunale;
● di procedere immediatamente, e comunque entro novanta giorni da oggi, alla realizzazione e all’entrata in funzione dell’isola ecologica ove poter conferire le frazioni differenziate dei rifiuti, compresi gli ingombranti e ove necessariamente prevedere un sistema informatizzato di misurazione, a mezzo di tessera elettronica personale, delle quantità di rifiuti conferite differenziate per tipologia al fine di consentire ai cittadini di poter beneficiare della riduzione sulla Tariffa di Igiene Ambientale a vantaggio di chi adotta comportamenti virtuosi;

nelle more:
● di mettere a disposizione entro due giorni da oggi in almeno tre aree della città (oltre alle già individuate zone del Campo Sportivo Comunale e dell’area in zona Parchi anche dell’area di Viale Italia retrostante la chiesa di Santa Maria della Pietà, per la quale il parroco ha già espresso la propria disponibilità) accessibili in orari e in luoghi prestabiliti un numero sufficiente di contenitori scarrabili opportunamente vigilati destinati al conferimento separato da parte della cittadinanza delle frazioni riciclabili di plastica, carta e cartone, metalli e vetro al fine di evitare che essi giacciano sulla pubblica strada. Tali rifiuti dovranno essere poi conferiti, con cadenza in ragione delle quantità accumulate, presso le aziende aderenti ai Consorzi per il riciclo con i quali sono stati stipulati gli appositi accordi;
● di promuovere ordinanze sindacali che vadano nel senso della riduzione dei rifiuti (es. vuoti a rendere, divieto di usare buste di plastica per un determinato periodo, ecc).

In mancanza di tali contingibili ed urgenti provvedimenti i cittadini di San Nicola la strada Le chiedono di essere autorizzati a provvedere personalmente alla raccolta e al conferimento delle frazioni differenziate dei rifiuti a mezzo di imprese autorizzate con la conseguenza di non corrispondere più a questa Amministrazione la tariffa per lo smaltimento dei rifiuti fino alla totale eliminazione dei rifiuti giacenti in strada, fonte di grave pericolo per la salute della popolazione, e al ripristino di un adeguato servizio di raccolta quotidiana dei rifiuti in tutto il territorio cittadino.

San Nicola la Strada, 04 02 2008

per il COMITATO EMERGENZA RIFIUTI
  Il portavoce
  Massimo de Gregorio

Annunci
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: