AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

PETTERUTI DIXIT 01

dal blog elettorale Petteruti per Caserta
09 giugno 2006
PETTERUTI AL RIONE ACQUAVIVA, “CON IL NOSTRO PROGETTO VIA SETTE PASSAGGI A LIVELLO”
“E’ da tempo che abbiamo in mente questo progetto ed ora, dopo che i colloqui intercorsi con la Regione e con l’Amministrazione delle Ferrovie dello Stato ne hanno confermato la fattibilità, possiamo finalmente annunciarlo: rimuoveremo la barriera ferroviaria che divide in due la città, isolando il rione Acquaviva e tutta l’area sud del capoluogo. Il nostro studio ci conferma che il piano permetterà di eliminare ben sette passaggi a livello”. Lo ha dichiarato il candidato sindaco dell’Unione Nicodemo Petteruti incontrando questa mattina, insieme con Gianfranco Alois, i residenti del quartiere Acquaviva. I cittadini hanno anche chiesto interventi sui maggiori problemi che affliggono la zona: traffico, inquinamento elettromagnetico, arredo urbano fatiscente e illuminazione pubblica insufficiente. “Rivisitare radicalmente l’attuale Piano del traffico sarà una delle prime cose che farò se l’elettorato intenderà premiarci e diverrò sindaco di Caserta. Altro obiettivo –ha aggiunto Petteruti- è il ripristino del decoro urbano con l’immediata rimozione di quegli orribili cordoli bicolore ed altri dispositivi che hanno trasformato la città in un circuito da formula1. E poi anche il rione Acquaviva, come altre zone della città, ha bisogno di una illuminazione efficiente che permetta ai cittadini di poter camminare tranquilli anche nelle ore serali”. Alle richieste dei cittadini di provvedimenti urgenti per arginare il grave problema dell’inquinamento elettromagnetico causato dai numerosi ripetitori di telefonia mobile, Petteruti ha risposto: “Occorre una regolamentazione rigorosa e, soprattutto, che sia rispettata. Il tema dell’ambiente e della sua salvaguardia sta a cuore a me e a tutte le forze che sostengono la mia candidatura ed è per questo considerato da noi tutti come prioritario. Vareremo un regolamento difficilmente aggirabile dai gestori della telefonia mobile e, per questo, garanzia del diritto dei residenti a vivere in un ambiente salubre. Infine, il rione Acquaviva ha bisogno di un maggiore controllo da parte della Polizia Municipale che noi ci impegnamo ad assicurare.Questi sono soltanto alcuni dei problemi che affronteremo per rendere più vivibile il quartiere Acquaviva. Le zone periferiche non possono più essere trascurate ma devono essere considerate parte integrante della città di Caserta e protagoniste del suo sviluppo”.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: