AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

PIÙ MORTALITÀ VICINO A DISCARICHE ILLEGALI

ANSA 2008-01-07 20:50

ROMA – La presenza di discariche illegali ha già portato al peggioramento della situazione sanitaria nelle province di Napoli e Caserta, che in alcuni casi arriva ad un aumento della mortalità del 9% per gli uomini e del 12% per le donne nelle zone più a rischio. Lo ha rilevato una indagine epidemiologica coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità presentata lo scorso aprile.
“Questo studio è stato pensato per misurare l’impatto sanitario di 20 anni di smaltimenti illegali di rifiuti anche pericolosi – spiega Pietro Comba, epidemiologo ambientale dell’Istituto Superiore di Sanità – non c’é però ancora nessuna correlazione dimostrata scientificamente tra il problema di questi giorni, cioé la mancata raccolta dei rifiuti e un aumento delle patologie”. Lo studio ha diviso i comuni del territorio delle due province in cinque fasce di rischio:. In quella più alta, che comprende otto comuni (Acerra, Aversa, Bacoli, Caivano, Castel Volturno, Giugliano, Marcianise e Villa Literno) si sono avuti gli aumenti maggiori:”C’é una larga sovrapposizione – si legge nel rapporto finale – tra l’area a maggior rischio per morti neoplastiche e quella maggiormente interessata dallo smaltimento illegale dei rifiuti pericolosi”. Questi i dati principali emersi dallo studio:
MORTALITA’: nei comuni con maggior pressione ambientale la mortalità è maggiore del 9% per gli uomini e del 12% nelle donne rispetto a quelli con la pressione più bassa.La mortalità cresce del 2% dal gruppo a più basso rischio a quello più alto.
TUMORI: un rischio maggiore di mortalità in questi comuni si è registrato anche per tutti i tumori (1% in entrambi i sessi), e per tumore polmonare (2%) e gastrico (5%) negli uomini. C’é un aumento anche per i tumori del fegato (4% uomini e 7% donne).
MALFORMAZIONI: al crescere della pressione ambientale cresce il rischio di malformazioni del sistema nervoso centrale, che nel peggiore dei casi è dell’84% in più. Per le malformazioni dell’apparato urogenitale invece l’aumento è dell’83% nei comuni più a rischio rispetto a quelli di riferimento. “Per quanto riguarda la mancata raccolta dei rifiuti ci sono ovvi motivi di igiene a dimostrazione della pericolosità per l’uomo – sottolinea Comba – ma ancora non ci sono elementi per sostenere una correlazione diretta tra, ad esempio, diossina e patologie nel caso specifico. E’ quello che cercheremo di fare con lo studio epidemiologico che parte adesso”.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: