AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

MADRE TERRA DESOLATA

Posted by ambienti su luglio 4, 2007

In Parlamento si è detto tutto e il contrario di tutto per infine approvare, con una fiducia impregnata di sfiducia, il decretaccio che tende a discaricare di molte colpe i responsabili della situazione attuale dei rifiuti in Campania, che discarica il commissario Bertolaso dalla necessità di tener conto di gravi provvedimenti della magistratura, che discarica una definitiva decisione su Serre, dove continueranno i parapiglia tra Bertolaso e il ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio. Il decretaccio permette di continuare a discaricare i rifiuti di Napoli ovunque ci sia un fosso nella regione, discarica sui cittadini campani i costi di circa 14 anni di malaffari concertati tra governanti e “imprenditori”, discarica del tutto Caserta, lo Uttaro e chi ci si sta avvelenando intorno, senza neanche prendere in considerazione la questione. A parte un ritardatario richiamo, tra le dichiarazioni di voto trasmesse in diretta tv, al positivo “modello” di provincializzazione del ciclo dei rifiuti realizzato a Caserta. A parlare è stato Ermete Realacci. Chi? Proprio lui? Quello che è costruito una carriera politica con Legambiente di cui è ancora “presidente onorario”. Sembra di si.
Nella memoria si possono custodire ingegnose osservazioni critiche. Oltre che quelle facili dell’opposizione – che ha lasciato fare quando governava – quelle, per esempio degli onorevoli Giacomo De Angelis (Pdci) o Titti Di Salvo (Sd). Ma a che servono se non a farci meglio capire che si è voluto solo tentare di mettere un coperchio a un pentolone in cui continueranno a ribollire monnezza e veleni, compresi quelli della cattiva politica, per tutti i cittadini della Campania?
Tra i pochi ad avere le idee chiare sulla situazione nella regione sembra che ci siano i carabinieri. Hanno intitolato direttamente Chernobyl l’operazione che oggi, d’intesa con la Procura di Santa Maria Capua Vetere, li ha portati a un blitz contro aziende dedite, dietro una facciata rispettabile, a smaltire illegalmente rifiuti pericolosi. Tra l’altro a scaricare fanghi tossici, provenienti da depuratori e da impianti industriali, direttamente in terreni agricoli coltivati o sulle sponde di fiumi (il Sabato, affluente del Volturno). L’inchiesta è la continuazione di due precedenti indagini intitolate Madre Terra e Madre Terra 2, ma questa volta di invocare ancora Madre Terra non è sembrato il caso.
Altri dettagli si trovano in ogni notiziario in rete e sui giornali di domani.

Advertisements

3 Risposte to “MADRE TERRA DESOLATA”

  1. nicola said

    Lasciamo perdere il “povero” Realacci. Questi politicanti,compresi i nostri a tutti i livelli,
    per quella “maledetta poltrona” oltre alla sete di potere, si vendono al miglior offerente.
    Per saperne ancora di più, basta leggere i verbali delle Operazioni “Madre Terra,Madre Terra 2, Cassiopea ed infine quella di Cernobyl”.
    Dal Parlamento fino ad arrivare all’usciere del Comune capoluogo, sanno tutto ma, manca la volontà di agire. Poveri noi!!!

  2. francesco said

    Bravi … dovreste proprio leggere i verbali dell’ operazione Madre Terra per capire come è facile incastrare persone per bene che ritirano rifiuti della regione campania … e che poi vengono scaricati e etichettati come inquinatori ambientali … seh … Dovreste starci dentro per capire … non parlare per sentito dire

  3. mymind said

    X Francesco
    Non potresti spiegarti un po’ meglio? Il post chiaramente riprende e commenta notizie ufficiali, quelle che possiamo sapere noi persone comuni. Ma mi pare che quando riesce ad avere notizie oltre l’ufficialità Ambienti come stanno le cose lo dice. Un blog serve anche a questo e chi lo legge può contribuire se sa qualcosa di interessante. Almeno ci potresti spiegare i meccanismi, senza riferimeti a nomi e a fatti che potrebbero creare problemi. Raccontarci una favola tipo “C’erano una volta rifiuti pericolosi da smaltire …”, o vedi tu come.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: