AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

IL TEATRO DEGLI ARRESTI

Posted by ambienti su novembre 14, 2008

prisonContinuano ad arrivare notizie di arresti di pirati dei rifiuti. Ieri quattro cinesi sono stati sorpresi dai carabinieri della compagnia di Nola mentre scaricavano 40 quintali di robaccia sotto la carreggiata della Tav a San Gennaro Vesuviano, nel napoletano. Sono finiti in manette per violazione dell’art.6 del decreto-legge 172 ^. Il capintesta sembra che fosse certo Zhang Li’, 48 anni, titolare di un laboratorio tessile clandestino a San Gennaro. Gli 80 sacchi scaricati dal quartetto contenevano materiale di scarto della lavorazione di capi di abbigliamento (stoffe di vario genere, pellami, cellophane, plastica e carta) classificabile come rifiuto speciale. I carabinieri, guidati dal capitano Gianluca Piasentin, hanno inoltre rilevato nel laboratorio: sfruttamento di manodopera clandestina, violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, gravi carenze igienico-sanitarie.
Com’è possibile che si facciano certe scoperte solo in questi giorni? I responsabili dei controlli, in particolare quelli degli enti territoriali – vigili urbani, addetti delle polizie provinciali – per i rifiuti ormai da un pezzo avevano il dovere di sapere. In realtà spesso sapevano, oppure erano, sono, tutti incapaci. Perché hanno usato tanto di rado gli strumenti di legge che già esistevano ^ per intervenire?
I comuni cittadini quando hanno visto e intuito qualcosa hanno solo potuto fare qualche denuncia caduta spesso nel vuoto. Da scoraggiarsi, a volte da avere paura.
Per capire quant’è grave nell’emergenza rifiuti la questione del “sommerso”, spesso intrecciato alla criminalità organizzata, alla camorra, può essere utile il chiarissimo scritto di Antonio Pastena su La chimica dei rifiuti campani ^. Pastena  era riuscito, da scienziato, a rendersi ben conto della situazione, ma la sua denuncia, come tante altre, era stata inutile.
Le autorità politiche, locali e statali, hanno preferito far finta di niente, non affrontare seriamente gli sporchi nodi dei rapporti tra l’emergenza rifiuti e le attività produttive del “sommerso” campano. Come se certi agglomerati di materiali strani e di tossicità, ai bordi delle strade, nei cassonetti, nelle discariche, si potessero spiegare solo con i normali rifiuti domestici.
Bisognerà vedere se ora gli arresti serviranno solo per uno show propagandistico, per nascondere i nuovi errori di Bertolaso e del governo, o se si comincerà davvero ad affrontare il problema dell’imprenditoria clandestina. Al momento sembra soprattutto teatro: le notizie più clamorose sulle operazioni in corso hanno riguardato qualche fesso incivile, qualche operaio, qualche rom, qualche cinese, quasi tutti dei disperati.
Ancora non s’è sentito dell’arresto di qualche boss-imprenditore. Perché a ben vedere la cattura dell’ “imprenditore cinese”, nella notizia sopra, si direbbe una mezza bufala. Sarà un delinquente, d’accordo. Ma per chi lavorava? E’ il prestanome di qualcuno? In quale rete piazzava la sua merce? Se non si accerta questo, passata la bufera qualcun altro ricomincerà poco più in là.
Il privato ignorante, che abbandona un materasso o uno scaldabagno, lo si poteva dissuadere con una multa salata – lo avrebbero permesso le norme già esistenti –  tanto meglio se poi gli si indicava un’isola ecologica dove andare a scaricare la prossima volta. Per gli altri, per quelli con i furgoni pieni di avanzi del “sommerso”, è una storia diversa: lì si tratta di “affari”. Che putroppo potrebbero trovare la via per incanalarsi verso gli annunciati inceneritori, facendo poi uscire dalle ciminiere sostanze ancora più tossiche di quelle prevedibili. Come a volte sono riusciti a finire, per vie traverse, dentro discariche “ufficiali”.
Dopotutto nei primi anni novanta fu un boss della camorra a esortare i suoi uomini: “Cari guaglioni, se voi costringete quei contadini a vendermi i terreni, io costruisco un inceneritore col quale brucio tutti i rifiuti. È questo il business del futuro, credete a me che ne capisco”. Come è scritto nelle carte della magistratura, secondo le testimonianze di un collaboratore di giustizia, e come ha ricordato Paolo Chiariello nel suo libro Monnezzopoli ^.

3 Risposte to “IL TEATRO DEGLI ARRESTI”

  1. Bollettino della puzza said

    E ancora non si è sentita la notizia dell’arresto dei maledettti che, per qualsiasi motivo, provocano a Caserta la schifosa puzza che ammorba l’aria e ci fa star male. Questa mattina é tremenda, è diversa da quella dei giorni scorsi, che era puzza proprio di cacca ma, se possibile, è ancora più da voltastomaco (zona San Nicola, Acquaviva, Saint Gobain).

  2. Alessandro said

    Davvero non se ne può più di questa cecità e di questa ipocrisia: Vorrei che qualcuno mi spiegasse perché fino a prima del famoso decreto non erano state applicate le leggi esistenti che erano sicuramente altrettanto efficaci. Perché ci dobbiamo continuamente bere gli spottoni di questo presidente del consiglio che finora, anche su questo tema rifiuti, ha fatto e sta facendo gli affari suoi? E ancora ieri, firmando per l’avvio dell’inceritore di Acerra, ci è venuto a dire per l’ennesima volta che l'”emergenza rifiuti” è finita. Ma finita che? Tutti i disastri già esistenti e quelli che si moltiplicheranno in futuro anche con l’accensione di non si sa quanti inceneritori, chi li deve e dovrà subire e sopportare? Questa non è e non sarà “emergenza”?

  3. Michele said

    E’ vero, con il decreto e con gli arresti stanno facendo teatro tanto per dire che in Campania tutti sono delinquenti e perciò protestano contro discariche e inceneritori. Ma i delinquenti veri non li fermano, non li arrestano. Eppure con le tante denunce che facciamo noi cittadini sanno benissimo dove sono e quello che fanno. Per le autorità non dovrebbe essere difficile accertare chi sono e bloccarli. Non c’era nemmeno bisogno di una nuova legge. Ma forse è troppo complicato e quando non ci sono telecamere e giornalisti vicini non fa abbastanza spettacolo, non è utile a Bertolaso e a Berlusconi.
    Vedete quello che continua a succedere ad Aversa e per capire meglio leggetevi anche i commenti alla notizia:
    http://www.pupia.tv/aversa/notizie/0003033.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: