AMBIENTI

Blog di Resistenza Ambientale

VAI DI DOMENICA

Posted by ambienti su febbraio 4, 2008

tvtw.jpgIl supercommissario Gianni De Gennaro non si ferma neanche di domenica. Ieri ha trascorso una giornata intensa per concludere addirittura in tv a Che tempo che fa da Fabio Fazio ^. Ci vuole rassicurare. Per i rifiuti dapprima sostiene che “si è interrotto un ciclo” (ma quando mai c’è stato?), ha imparato persino che con la parte umida dell’immondizia “si può fare il concime” (ma dove sono gli impianti di compostaggio?) e che “il percolato va trattato con la massima cautela” (ma lo sa quanto ne scorre libero in giro grazie alle “deroghe” dei suoi predecessori?). Però deve avere intuito almeno un po’ come stavano le cose, perché infine ammette che quello di prima “non era neanche un sistema”. Ci tiene ad apparire efficiente e realista senza mai trascurare di mostrare “il volto umano”. “La salute al primissimo posto” ha ripetuto, come abbiamo perso il conto quante volte negli ultimi giorni. “Con la differenziata siamo un po’ indietro” (non era più preciso dire che molti interessati se n’erano infischiati deliberatamente?) e verranno puniti i sindaci pigri ad avviarla (con qualcuno, come il casertano Petteruti, non sarebbe il caso di punire direttamente, visto che ha passato oltre un anno a insultare i cittadini chi gli ripetevano di fare la differenziata?).
De Gennaro sembra essersi reso conto che gestire i rifiuti è anche un problema di comunicazione, ma all’inizio sembrava averlo capito già Bertolaso e sappiamo com’è andata a finire. Si è scoperto che la comunicazione la intendeva in senso unidirezionale. Il nuovo commissario oppone alle giuste esigenze di chi non vuole la discarica le giuste esigenze di chi non vuole i rifiuti davanti casa. Ma usare di nuovo questo argomento può essere un trucco vecchio per far continuare ad andare le cose come al solito non appena risistemati gli scenari napoletani per turisti, teleoperatori e fotografi di matrimoni. E dice che “le discariche gestite bene” non fanno danni. Qui, nonostante il corso accelerato, De Gennaro ha ancora le idee confuse. Nessuno in Campania negli ultimi tempi ha protestato contro discariche allestite o gestite bene, per il semplice motivo che non esistevano. A parte forse Macchia Soprana, ma solo perché lì un comitato di cittadini si è guadagnata la possibilità di controllare ora per ora quello che succede.
La gente non si è ribellata contro le discariche “buone”, ma quando è stata asfissiata dalla puzza, quando ha visto il percolato che scorreva, quando ha capito che sarebbe stata una devastazione senza rimedio della propria terra e della propria vita. E anzi non si è ribellata abbastanza, altrimenti questo scempio non sarebbe durato tanto e non saremmo arrivati al disastro attuale.

Annunci

2 Risposte to “VAI DI DOMENICA”

  1. Perla said

    Avete letto ieri, domenica, la pagina della Repubblica dedicata ai rifiuti? Il dottor Donato Greco, capo dipartimento del Ministero della Salute, nonché il ministro Livia Turco, affermano che “alla luce delle analisi fatte dal Ministero appare del tutto ridimensionato, se non del tutto smentito il nesso tra malattie gravi e mancato smaltimento dei rifiuti”. E ancora, Greco: “Il legame tra rifiuti per strada e tumori è un’autentica bufala”. Davvero? Un’autentica bufala è questa sua affermazione che ha lo scopo di confondere proditoriamente e ulteriormente le idee. Sicuramente quando medici e ricercatori parlano dei gravi rischi di malattie legati ai rifiuti non si riferiscono solo al contatto con i rifiuti per strada, ma fanno un discorso più complesso.
    Sempre nello stesso articolo si ritrova un’affermazione di Bassolino che – più che un “impopolare flash back”, come scrive la giornalista Conchita Sannino – appare un ragionamento caro ad esponenti non proprio limpidi della nostra società: “Oggi la gente scende in piazza contro le discariche legali, ma nessuno protestava quando la camorra imponeva i rifiuti tossici provenienti dal Nord…”.
    Vi pare un bel ragionamento? Si riferisce ai cittadini in gran parte vittime inconsapevoli di questi traffici, oppure, se consapevoli, non in grado di alzare la voce. Forse un passo positivo si è fatto, la “gente” oggi almeno protesta. Mi chiedo invece dov’erano e dove sono lui e i suoi colleghi amministratori quando queste malefatte avvenivano e avvengono. Loro avevano ed hanno sicuramente i mezzi per sapere e per difenderci. Per fortuna, nella stessa pagina del giornale c’è si un bel “flash back” e riguarda proprio Bassolino e i suoi rapporti con Impregilo. Per capirci: racconta dell’inizio della catastrofe rifiuti.

  2. Luigino said

    Il Comissario dice pure che chiederà una proroga. Non finirà tutto il 12 aprile, insomma.
    Napoli, Caserta e tutta la Campania andranno a votare in mezzo alla spazzatura. Forse prepareranno delle corsie preferenziali in mezzo ai cassonetti per andare ai seggi elettorali.
    L’ossessione di De Gennaro sono le 250.000 tonnellate che sono per strada nella regione. Ma può stare tranquillo perchè la ministra della Salute del governo che è andato a casa e un suo stesso principale collaboratore (prof. Greco) dicono che non c’è pericolo per la salute dai rifiuti per strada.
    Allora …. potrebbero lasciarli lì. Sembra che per loro (se lo dicono Turco e Greco ….) sia meglio lì che nelle discariche. Non c’è da affannarsi a cercare siti o mandare poliziotti in giro a presidiare e fare ordine pubblico.
    Nessuno, tranne voi e pochi altri, che gli sbatta sotto al naso l’ipotesi del prof. De Medici! Ha perso un mese De Gennaro, poteva farsi pure un giro fino alla provincia di Avellino a dare un’occhiata con tutto il suo staff! Avrebbe colto l’occasione pure di fare gli auguri al Prence De Mita per il suo compleanno …
    Non c’è un sistema legale, insomma, per obbligarli a prendere in considerazione questa proposta o almeno a dare una risposta tecnica sul loro no? Ci vuole per forza qualche altra inchiesta come quella che solo oggi porta alla sbarra a Napoli Impregilo e tutti i responsabili delle schifezze di 14 anni di emergenza?
    Ma allora scrivetela, scriviamola una denuncia supercircostanziata su queso fatto! Mettetela in rete, facciamola firmare da migliaia di cittadini e mandiamola pure a Bruxelles, dove non aspettano altro di farci pagare un miliardo e mezzo di vecchie lire al giorno di multa. Succederà tra un mese.
    Ancora prima che il Commissario se ne vada o che chieda una proroga al Presidente del Consiglio(Berlusconi?) e al ministro dell’Interno (di nuovo Pisanu?).
    Altra cosa: nessuno che vada a chiedere ai 104 sindaci della provincia come stanno lavorando per far partire i piani per la differenziata.
    Di Caserta sappiamo. Sappiamo che hanno fatto una gara che, pare, scadrà dopo che De Gennaro sarà obbligato a mandare il commissario ad acta.
    O c’è un escamotage tecnico legale, come dice qualcuno, per avere una proroga (sempre proroghe…)??? E gli altri 103 Comuni???
    Non è che la Provincia, con un piano provinciale non scritto, è pronta a spendere soldi suoi e non suoi per gettarli al vento in mille inutili campagne di “informazione e comunicazione” ad usum delfini? Speriamo proprio di no.
    Speriamo che il commissario prefettizio che verrà in Provincia appena saranno formate le liste eletorali per le Elezioni Politiche non debba sbrogliare pure queste cose ….
    Qualche segnale c’è. Sui “bollettini” familiari sono comparsi entusiasti articoli che fanno pensare, su certe “campagne” in preparazione ….
    Anche qui, sulla differenziata, tra consulenti di Pecoraro, esperti di Bassolino e miliardi arrivati alle Province e ai Comuni, sarà un bel vedere ….
    Tra quattro cinque anni se ne occuperà Report (ci sarà ancora?) e tra dieci anni qualche giovane pubblico ministero a Napoli ….
    Buon inizio di settimana ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: